Epistolario (eNewton Classici)

L’Epistolario leopardiano raccoglie 940 lettere scritte dal 1810 al 1837 agli amici, agli editori, agli eruditi, alle donne: argute e spiritose, o tristi e dolorose, spedite da Recanati o dalle città dove lo portava la sua fuga dal «natio borgo selvaggio». Uno scrigno che contiene il tesoro dello spessore umano, degli affetti, pene, passioni e timori dello splendido poeta e geniale letterato.


Giacomo Leopardi

nacque a Recanati nel 1798. S’immerse con straordinaria precocità negli studi filologici e letterari, compromettendo per sempre la salute. Dal 1822 in poi la sua vita fu una continua fuga – con ritorni più o meno brevi – dal «natio borgo selvaggio»: a Roma nel ’22-23, quindi a Milano, Bologna, Firenze, Pisa, fino all’ultima dimora a Napoli, dove morì nel 1837. Oltre ai Canti, lasciò numerosi scritti, fra cui le Operette morali, lo Zibaldone e i Pensieri, tutti pubblicati dalla Newton Compton nel volume unico Tutte le poesie, tutte le prose e lo Zibaldone, curato da Lucio Felici e Emanuele Trevi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giacomo Leopardi

La guerra dei topi e delle rane di Giacomo Leopardi

La guerra dei topi e delle rane di Giacomo Leopardi di

La guerra dei topi e delle rane

Operette morali di Giacomo Leopardi

Operette morali di Giacomo Leopardi di

Operette morali

Paralipomeni della batracomiomachia di Giacomo Leopardi

Paralipomeni della batracomiomachia di Giacomo Leopardi di

Paralipomeni della batracomiomachia

Canti di Giacomo Leopardi

Canti di Giacomo Leopardi di

Canti

Appressamento della morte di Giacomo Leopardi

Appressamento della morte di Giacomo Leopardi di

Appressamento della morte

Canti (ed. Firenze 1831) (Biblioteca Italiana Zanichelli)

Canti (ed. Firenze 1831) (Biblioteca Italiana Zanichelli) di

Dopo le prime raccolte delle Canzoni (1824) e dei Versi (1826), il corpus poetico leopardiano assunse fisionomia di libro nell'edizione fiorentina del 1831 (23 poesie) col titolo Canti, che si confermò nell'edizione napoletana del 1835 (39 poesie) e in quella postuma del 1845 (41 poesie). Nel nucleo più antico si alternano due registri: l'alta retorica delle canzoni (patriottiche, civili, filos...