L'uomo che corruppe Hadleyburg (Libri da premio)

Compra su Amazon

L'uomo che corruppe Hadleyburg (Libri da premio)
Autore
Mark Twain
Editore
Nobel
Pubblicazione
16 settembre 2014
Categorie
Nella cittadina americana di Hadleyburg, che suscita l’invidia dei borghi circostanti per la sua fama di essere incorruttibile, vivono diciannove notabili, simboli dell’integrità di Hadleyburg. Edward Richards, uno di loro, e la moglie Mary ricevono un sacco contenente monete d’oro per quarantamila dollari e una lettera che descrive come scoprire a quale abitante di Hadleyburg, che una volta fu caritatevole verso un poveraccio donando venti dollari, dovranno consegnare il denaro. Per riconoscere il benefattore (e quindi la persona a cui spettano i soldi), nel sacco è contenuta una seconda lettera sulla quale è scritta la frase che fu pronunciata mentre la persona in questione porgeva i 20 dollari al bisognoso. Il divertente e intricato preambolo darà seguito da una serie di fatti, misfatti ed equivoci che “corromperanno” l’incorruttibilità dei 19 notabili e di tutta la comunità.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Mark Twain

L'uomo che corruppe Hadleyburg (Introvabili)

L'uomo che corruppe Hadleyburg (Introvabili) di

Quasi certamente questo racconto di Twain è il miglior pezzo comico sulla corruzione che sia mai stato scritto. Non solo è un gioiello di suspense un mirabile congegno narrativo ma è anche un vero e proprio trattato di morale in forma di farsa. È la storia – sempre attuale – di un paese marcio fino al midollo (notabili ovviamente in testa) che per giunta si vanta di essere un modello di ones...

Uno yankee alla corte di Re Artù (Universale d'Avventure e d'Osservazioni)

Uno yankee alla corte di Re Artù (Universale d'Avventure e d'Osservazioni) di

E se una mattina ti capitasse di risvegliarti a Camelot, addirittura nel castello del leggendario Re Artu?? E? quanto succede incredibilmente al protagonista di questo romanzo, un uomo del XIX secolo: catapultato nell’Inghilterra di Merlino e dei Cavalieri della Tavola Rotonda, tra maghi e damigelle, superstizioni e miseria, fara? vedere di cosa e? capace un vero americano, affrontando le avven...

Contro i luoghi comuni: Racconti cattivi, grotteschi, irriverenti

Contro i luoghi comuni: Racconti cattivi, grotteschi, irriverenti di

Mark Twain è stato un autore dissacrante, sempre arguto e ironico nei confronti dei codici morali e delle convenzioni che strutturano le consuetudini tradizionali di vita. Nelle storie qui raccolte – scritte nel suo periodo creativo più fertile, dal 1863 al 1895 – la sua verve umoristica e polemica diventa assoluta protagonista. Ed ecco in rapida sequenza: i consigli spregiudicati a bambini e b...

Racconti comici (Introvabili)

Racconti comici (Introvabili) di

Niente risolini o risatine tra i baffi ma risate grasse esplosive perfino sguaiate attendono i lettori di questi racconti. Qui le redazioni dei giornali assomigliano a un saloon in piena rissa; le recensioni suonano così: «imita lo stile di altri autori ma nessuno riesce a imitare il suo nemmeno un idiota»; i direttori di giornali per agricoltori scrivono di alberi di cocomeri di vigne di...

Racconti contro tutti

Racconti contro tutti di

Twain scrisse questi testi negli ultimi anni della sua vita, quando era maggiore in lui l’amarezza per l’ipocrisia e la violenza che lo circondavano. Non tentò nemmeno di pubblicarli, perché era sicuro che l’America l’avrebbe inesorabilmente condannato senza capirlo. Dopo la sua morte fu la famiglia a opporsi alla pubblicazione. Oggi finalmente li possiamo leggere per la prima volta in italiano...

Le avventure di Huckleberry Finn (eNewton Classici)

Le avventure di Huckleberry Finn (eNewton Classici) di

A cura di Riccardo Reim. Traduzione integrale condotta sull’edizione americana. «Tutta la letteratura americana moderna viene da un libro di Mark Twain che si intitola Le avventure di Huckleberry Finn. È il miglior libro che possediamo. Non c’era niente prima. E non c’è stato niente di altrettanto buono, dopo». Tale la perentoria, concisa affermazione di Ernest Hemingway, che riconosce allo scr...