Ettore Fieramosca: ossia, La disfida di Barletta

Compra su Amazon

Ettore Fieramosca: ossia, La disfida di Barletta
Autore
Massimo D'Azeglio
Editore
Transcript
Pubblicazione
26 maggio 2014
Categorie
Ettore Fieramosca: ossia, La disfida di Barletta by Massimo D'Azeglio


Al cadere d'una bella giornata d'aprile dell'anno 1503 la campana di San Domenico in Barletta sonava gli ultimi tocchi dell'avemaria. Sulla piazza vicina in riva al mare, luogo di ritrovo degli abitanti tranquilli che, nelle terricciuole dei climi meridionali specialmente, sogliono sulla sera essere insieme a barattar parole al sereno per riposarsi dalle faccende del giorno, stavano col fine medesimo dispersi in varj gruppi molti soldati spagnuoli ed italiani, alcuni passeggiando, altri fermi, o seduti, od appoggiati alle barche tirate a secco, delle quali era ingombra la spiaggia, e, com'è costume delle soldatesche d'ogni età e d'ogni nazione, il loro contegno era tale che pareva dire: il mondo è nostro. Di fatto, lasciato loro il campo migliore, si tenevano i terrazzani in disparte, dando così a questa loro burbanza tacita approvazione. Chi per figurarsi questo quadro si volesse rappresentare una simile radunata de' nostri soldati moderni nella loro misera uniforme, sarebbe lontano assai dall'averne una giusta immagine. L'esercito di Consalvo, le fanterie specialmente, quantunque le meglio in arnese, e le migliori di tutta cristianità, non conoscevano però, più di qualunque altra milizia del secolo XVI, la stretta disciplina moderna, che è giunta a render simili un soldato all'altro dalle scarpe al cappello. Qui invece, ogni uomo che facesse il mestier dell'arme a piede o a cavallo, poteva vestirsi, armarsi ed adornarsi come più gli piacesse; onde nasceva fra questa turba una mirabile varietà e vaghezza nelle fogge, ne' colori e nel portamento, dal quale si poteva facilmente conoscere a qual nazione appartenesse ogni individuo. Gli Spagnuoli, per lo più serii, immobili, atteggiati da bravacci, ed avvolti (o com'essi dicono embozados) nella capa nazionale, dalla quale si vedeva uscir per di sotto la lunga e sottil lama di Toledo; gl'Italiani loquaci e pronti al gestire, in sajo od in farsetto colla daga pistolese appesa dietro le reni.
Al sonare della campana era cessato il susurro, e scomparendo la maggior parte de' cappelli, le teste eran rimaste scoperte, perchè in quel tempo anche i soldati credevano in Dio, e talvolta lo pregavano. Dopo piccola pausa tornarono a luogo i cappelli, ricominciò il bisbiglio; e benchè quella turba presa insieme avesse al primo aspetto un non so che di gajo e di vivace, si poteva tuttavia facilmente avvedersi, girando fra i diversi crocchi, esservi un motivo comune di tristezza e di scoramento, al quale erano volte le menti e le parole di tutti. Infatti il motivo era vero e possente. La fame cominciava a farsi sentire fra i soldati ed anche fra gli abitanti di Barletta, ove il gran Capitano, aspettando i tardi ajuti di Spagna, teneva chiuso l'esercito di troppo inferiore a quello dei Francesi perchè s'arrischiasse commetter la somma delle cose alla fortuna d'una giornata.
Tre lati della piazza erano chiusi da certe povere case di marinaj e pescatori, dalla chiesa e dall'osteria. Il quarto s'apriva alla marina, ingombro, com'è costume di tali luoghi, di barche, reti e di altri attrezzi pescherecci; ed all'ultima linea dell'orizzonte si vedeva sorgere dal seno delle acque la bruna forma del monte Gargano, sulla cui vetta andava morendo l'ultimo raggio del sole cadente.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Massimo D'Azeglio

Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta

Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta di

Massimo d’Azeglio (1798-1866, pubblicista poi uomo politico piemontese) pubblica nel 1833 "Ettore Fieramosca o La disfida di Barletta", soprattutto per provocare una rigenerazione del carattere nazionale e per risvegliare il fuoco patriottico negli Italiani.Tra gli spagnoli e i francesi che si dividono fra di loro il Regno di Napoli, sorgono dissidi per la delimitazione dei confini. All’occasio...

Racconti, leggende e ricordi della vita italiana (1856-1857)

Racconti, leggende e ricordi della vita italiana (1856-1857) di

dall'incipit del libro:IL SOR CHECCO TOZZI E LA SUA FAMIGLIA.uando si principia a invecchiare, ricordarsi e raccontare diverte. Vorrei dunque divertirmi qualche mezz'ora - non avendo di meglio mentre cresce il grano - ricordandomi di quand'ero giovane e non facevo altro che girar l'Italia per tutti i versi. Studiavo pittura per prima cosa; ma siccome per natura sono indagatore, studiavo e cerca...

Ettore Fieramosca o La disfida di Barletta

Ettore Fieramosca o La disfida di Barletta di

Massimo Taparelli marchese d'Azeglio (1798 – 1866) è stato un politico molto importante nell'Italia del Regno Sabaudo, ma anche pittore e scrittore.Prima oppositore di Cavour e poi Primo Ministro, Massimo d'Azeglio prima di entrare in politica ebbe una breve carriera militare e una parallela attività letteraria, fatta soprattutto di saggi ma fra cui si può trovare questo romanzo (scritto a fini...

Ettore Fieramosca, O, la Disfida di Barletta, Racconto di Massimo d'Azeglio

Ettore Fieramosca, O, la Disfida di Barletta, Racconto di Massimo d'Azeglio di

Ettore Fieramosca, O, la Disfida di Barletta, Racconto di Massimo d'Azeglio by Massimo d' Azeglio. This book is a reproduction of the original book published in 1885 and may have some imperfections such as marks or hand-written notes.

Niccolò De'Lapi, Ovvero, I Palleschi E I Piagnoni - Vol. II

Niccolò De'Lapi, Ovvero, I Palleschi E I Piagnoni - Vol. II di

Niccolò De'Lapi, Ovvero, I Palleschi E I Piagnoni - Vol. II by Massimo d' Azeglio. This book is a reproduction of the original book published in 1841 and may have some imperfections such as marks or hand-written notes.

Niccolò De' Lapi, Ovvero, I Palleschi e i Piagneni - Vol. I

Niccolò De' Lapi, Ovvero, I Palleschi e i Piagneni - Vol. I di

Niccolò De' Lapi, Ovvero, I Palleschi e i Piagneni - Vol. I by Massimo d' Azeglio. This book is a reproduction of the original book published in 1841 and may have some imperfections such as marks or hand-written notes.