Immagini dall'Italia

Compra su Amazon

Immagini dall'Italia
Autore
Charles Dickens
Editore
Faligi Editore
Pubblicazione
20 maggio 2014
Categorie
"Immagini dall’Italia, è un resoconto del viaggio intrapreso da Dickens in Italia, insieme alla sua famiglia, tra il 1844 e il 1845. Il suo viaggio parte da Parigi, in una carrozza. Passa per Lione e per Avignone e avvicinandosi al confine con l’Italia egli rimane affascinato dalle bellissime e innevate Alpi. Prosegue il viaggio in carrozza fino a Marsiglia, dove prende una nave diretta a Genova. Una volta arrivato ne nota subito il sudiciume, il cattivo odore, le strette e squallide strade, la presenza di edicole votive un po’ ovunque, la diversità dei palazzi, dei negozi, delle case e di tutto quello che aveva visto nelle precedenti città Francesi. Durante il periodo che passa a Genova, egli soggiorna in una villa ad Albaro, un luogo abbastanza trascurato e in una zona isolata dal resto della città, per poi trasferirsi al Palazzo delle Peschiere, a cui si affezionerà particolarmente per il bellissimo panorama di cui poteva godere da entrambi i lati del palazzo.Lascia poi Genova per recarsi a Piacenza, che descrive come vecchia, decaduta e fosca, piena di povertà e di palazzi austeri e cupi, in cui regna l’erbaccia. Per arrivare a Bologna egli passa per Parma e per Modena. Nella dotta e solenne Bologna, che a Dickens pare alquanto tenebrosa, visita il cimitero, caratterizzato dalla presenza di un Cicerone che ne illustra le tombe presenti.Si reca poi a Venezia, passando per la deserta e spopolata Ferrara. La visita a Venezia, è vissuta come un sogno in cui la città è rappresentata da un cimitero in mezzo al mare in un’atmosfera molto cupa.Visita Verona, Mantova, per poi arrivare a Milano, di cui dice che è tanto bella da non sembrare nemmeno un città italiana.Ritornato a Genova, inizia la sua discesa per andare a visitare Roma, passa prima per Carrara, dove ammira le cave di marmo e poi per Pisa, di cui descrive in maniera divertente la Torre pendente, sempre circondata dai mendicanti. E per arrivare a Roma passa per Livorno e Siena.Roma, la città eterna, viene descritta per le sue innumerevoli rovine sparse un po’ ovunque, per il gran numero di mendicanti, per ciò che ne rimane del Colosseo, per il divertente carnevale con il suo gioco del “moccolo”, per gli innumerevoli monumenti e chiese presenti, per le affollate cerimonie religiose a cui partecipa durante la settimana santa, per la sfarzosità delle chiese e per le molte persone inginocchiate in esse.Si dirige poi a Napoli, città che Dickens trova particolarmente sudicia, sporca, squallida, in cui poca gente lavora effettivamente, poiché molti di loro sono ladri o mendicanti e dove c’è un gesto per esprimere qualsiasi cosa. L’unico aspetto positivo di quella città è il panorama offerto dal Vesuvio (l’unico che è sempre in “attività”) e dal Golfo. Un’altra peculiarità di Napoli che incuriosisce Dickens è il gioco del Lotto.Prima di ritornare in patria, passa ancora per Firenze; lasciando poi affettuosamente l’Italia, che, per quanto sia misera e in decadenza, possiede comunque innumerevoli bellezze.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Charles Dickens

La canzone di Natale (Emozioni senza tempo)

La canzone di Natale (Emozioni senza tempo) di

La Canzone di Natale è un romanzo breve e una delle più belle e fantastiche storie sul Natale. Narra della conversione del tirchio e squallido Scrooge che durante la notte di Natale riceve la visita di tre spiriti: il Natale del passato, del presente e del futuro. La Canzone di Natale è uno splendido esempio dell'impegno di Dickens nella lotta alla povertà e allo sfruttamento minorile.

Canto di Natale: Ediz. integrale con immagini originali (Grandi Classici)

Canto di Natale: Ediz. integrale con immagini originali (Grandi Classici) di

EDIZIONE MIGLIORATA 30/11/2015. In OFFERTA DICEMBRE 2015 a € 0.49!!! (prezzo ordinario €1,49). Con IMMAGINI dell'edizione originale. Il Canto di Natale (A Christmas Carol) è un romanzo breve di genere fantastico del 1843 di Charles Dickens (1812-1870), di cui è una delle opere più famose e popolari.Il romanzo è uno degli esempi di critica di Dickens della società ed è anche una delle più famose...

Oliver Twist: o La storia di un orfanello (Einaudi tascabili. Biblioteca Vol. 8)

Oliver Twist: o La storia di un orfanello (Einaudi tascabili. Biblioteca Vol. 8) di

Le avventure del piccolo Oliver, cresciuto in un ospizio, maltrattato in un'impresa di pompe funebri, reclutato a Londra da una banda di ladri, non sono solo una superba galleria di celebri figure dickensiane che non dimenticheremo mai (Fagin, il capo della banda di giovani delinquenti, l'assassino Sikes, la prostituta Nancy, il misterioso e malvagio Monks), ma anche un magnifico racconto sull'...

Racconti di Natale (eNewton Classici)

Racconti di Natale (eNewton Classici) di

• Un canto di Natale• Le campane• Il grillo del focolare• La battaglia della vita• Il patto col fantasmaIntroduzione di Marisa SestitoEdizione integraleScritti tra il 1843 e il 1848, questi racconti costituiscono un fantastico spettacolo narrativo metafisico e magico. Con le sue storie animate da fantasmi, folletti e fate, Dickens affida alla scrittura il compito di rappresentare la qualità mut...

Grandi speranze (Einaudi tascabili. Classici Vol. 506)

Grandi speranze (Einaudi tascabili. Classici Vol. 506) di

La misteriosa fortuna che la sorte assegna all'orfano Pip, il suo altezzoso rifiuto dei vecchi amici, le sventure e le sofferenze che segnano il suo percorso esistenziale verso una consapevole maturità costituiscono la base di un racconto ove il senso di colpa e la violenza si fondono con spunti grotteschi nei quali la commedia assume connotazioni caustiche e crudeli. Dal momento in cui, nelle ...

Ballata di Natale: con un saggio di G.K. Chesterton

Ballata di Natale: con un saggio di G.K. Chesterton di

Scritta nel 1843, questa "Ballata di Natale" inaugura la fortunata serie di racconti natalizi di Dickens volti a instillare nel lettore "pensieri d'amore e di considerazione verso il prossimo, che non sono mai fuori stagione". Mescolando la rappresentazione fedele dell'atmosfera delle festività vittoriane con una storia di fantasmi, la 'Ballata' narra la notte della Vigilia di Scrooge, un uomo ...