La Rosa e l'Anello

"Durante il soggiorno in Italia del 1854, le figlie di Thackeray lo convincono a ritrarre i personaggi per la festa della Dodicesima Notte, che fu organizzata per i bambini della colonia inglese stabilita a Roma. Thackeray utilizza i personaggi creati per scrivere una storia di Natale, in cui ritrae le bizzarre avventure di alcuni protagonisti reali, che animano la scena con i loro intrighi sentimentali. Gli eventi ruotano attorno al personaggio della Fata Bacchettanera, così chiamata in ragione del bastone nero sul quale viaggia passando da un regno all’altro, concedendo i suoi favori ai principi che incontra di volta in volta. Nel corso della storia, la Fata Bacchettanera elargirà due doni magici, una rosa e un anello, che hanno il potere di rendere attraente chiunque l’indossi. E quindi il Principe Giglio s’innamorerà della Principessa Angelica, che indossa l’anello, mentre Angelica s’infatuerà di Principe Bulbo, che ha la rosa, senza dimenticare la costante intrusione della severa Contessa Gruffanuff, scelta dalla madre di Angelica come istitutrice della

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di William Makepeace Thackeray

Le Memorie di Barry Lyndon (The Luck of Barry Lyndon) (Evergreen)

Le Memorie di Barry Lyndon (The Luck of Barry Lyndon) (Evergreen) di

Romanzo picaresco che narra gli sforzi del protagonista, un esponente della borghesia irlandese, di farsi accettare come membro dell'aristocrazia inglese. Libro in lingua originale inglese con traduzione in italiano.