Educazione e Politica nel Pinocchio

Compra su Amazon

Educazione e Politica nel Pinocchio
Autore
Giuseppe Decollanz
Editore
rebustv.com
Pubblicazione
29 novembre 2013
Categorie
Il povero Babbino, stremato dalla permanenza nella pancia della balena, esita quando Pinocchio lo incita a tentare ancora la strada della fuga e della libertà. Ma il suo piccolo burattino insiste raccogliendo, in quel preciso momento, il testimone della maturità dei valori e della trasvalutazione. Il Padre si abbandona alla volontà del figlio e finalmente saranno liberi. Nella parabola conclusiva delle Avventure di Carlo Collodi si racchiude uno dei tesori più preziosi che il giornalista e scrittore toscano ci ha lasciato in eredità: per diventare donne e uomini in carne ed ossa occorre compiere e comprendere un percorso verticale che, attraverso le avventure della vita, ci conduce infine a comprendere la differenza tra autonomia e emancipazione, tra avere la libertà ed essere pienamente liberi. In questo libro, pubblicato nell’ormai lontano 1972, Giuseppe Decollanz elabora e analizza il capolavoro collodiano sotto il profilo pedagogico e filosofico ricavando che le Avventure di Pinocchio sono le sfide della vita di tutti noi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giuseppe Decollanz

Oltre Eboli, la Basilicata negata

Oltre Eboli, la Basilicata negata di

Il libro che avete tra le mani, scritto da Giuseppe Decollanz nell’ultimo periodo della sua vita, vuole essere un guanto di sfida a quanti, tra letterati ed intellettuali, hanno nel tempo contribuito a tracciare un’immagine negativa del Mezzogiorno d’Italia. Carlo Levi, suo malgrado, con il suo “Cristo si è fermato ad Eboli” può essere annoverato tra essi. Ed è proprio a lui che si rivolge lo s...

La Guerra siamo Noi (Storie di Montepeloso Vol. 1)

La Guerra siamo Noi (Storie di Montepeloso Vol. 1) di

“La guerra siamo noi! Siamo noi che ci troviamo sempre in mezzo a patire, a soffrire e a morire! C’è chi la fa e chi la subisce. Noi la patiamo!” (p. 9): era il pensiero quasi unanime dei montepelosani, che vissero la feroce occupazione germanica, l’arrivo liberatorio degli angloamericani con il suo carico di speranze per l’avvenire e l’immediato dopoguerra. Protagonista del libro è Pippini...