L'amante di Lady Chatterley: 217 (Classici)

Compra su Amazon

L'amante di Lady Chatterley: 217 (Classici)
Autore
David Herbert Lawrence
Editore
REA Multimedia
Pubblicazione
21 novembre 2013
Categorie
L’amante di Lady Chatterley, scritto da David Herbert Lawrence nel 1928, narra la storia di Constance, meglio conosciuta come "Connie" nel libro, una donna intellettuale, socialmente progressista e molto passionale della media borghesia scozzese. Sposata in Inghilterra con Clifford Chatterley, un uomo della bassa aristocrazia e molto intelligente, nel corso del romanzo Connie maturerà sia sessualmente che come donna; col tempo arriverà a disprezzare e ad allontanarsi dal debole e impotente marito, a causa della freddezza e dei comportamenti di lui, al punto da iniziare una relazione dapprima con l'incostante irlandese Michaelis, poi con Oliver Mellors, il guardiacaccia della tenuta di famiglia. Così facendo Lady Chatterley si allontana da quel freddo e industriale mondo che la circonda, regno dell'aristocrazia e degli intellettuali, per ritirarsi insieme al suo amante in una vita governata dalla tenerezza, dalla sensualità e dall'appagamento sessuale.
I temi del sesso, ed il loro intrecciarsi con i rapporti di classe, sono trattati con un verismo senza precedenti per la letteratura del tempo; il romanzo suscitò un clamoroso scandalo, a tal punto che potè essere pubblicato in Inghilterra in versione integrale solamente nel 1960.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di David Herbert Lawrence

Figli e amanti

Figli e amanti di

L'infanzia, l'adolescenza e l'apprendistato all'arte e all'amore di Paul Morel, figlio di un povero minatore di Nottingham, allevato con tenero affetto da una madre piena di vitalità. Opera profondamente autobiografica nella narrazione di una vita intensamente e dolorosamente vissuta, questo romanzo, da molti ritenuto il capolavoro di Lawrence, rivelò a un'Inghilterra in fondo ancora vittoriana...

L'amante di Lady Chatterley (Ennesima)

L'amante di Lady Chatterley (Ennesima) di

La vera lotta - sostiene Lawrence - è tra la vita della mente e vita del corpo: ossessionato dal problema sessuale, l'uomo ostenta la vita della mente, vivendo così a metà. Lady Chatterley rifiuta dapprima la sfera sessuale, per poi trovare, con l'amante Mellors, un amore che è trionfo del corpo, godimento e atto di forza creativo.

Figli e amanti (Garzanti Grandi Libri)

Figli e amanti (Garzanti Grandi Libri) di

Intessuto di una liricità che accentua la sostanza psichica del romanzo, curato in ogni dettaglio di concretezza visiva, alternato di luci e ombre, minutamente autobiografico, Figli e amanti è la ricerca, sempre incerta e contorta, dei moventi più segreti dell’animo umano, dove ogni gesto, ogni azione acquistano un significato ambivalente e oscuro e si caricano di simboli che coinvolgono la nat...

L'uomo che era morto (Le Storie)

L'uomo che era morto (Le Storie) di

In "L'uomo che era morto" Lawrence si misura con la vicenda paradigmatica della storia dell'Occidente: la morte di Cristo. E lo fa alla sua maniera, fedele all'idea che l'unica trascendenza possibile risieda nella quotidiana rinascita all'universo delle cose, e che il peccato più grande sia la rimozione del corpo come orizzonte profondo di significato spirituale. È infatti nel contatto con la n...

L'uomo che amava le isole (Le Storie)

L'uomo che amava le isole (Le Storie) di

Un uomo sogna di possedere un'isola, di divenire il signore di un piccolo mondo separato che sia creazione e specchio della sua personalità. Ma né gli uomini, né la natura si lasciano facilmente trasformare in specchio di qualcuno. Quello che doveva essere un idillio si trasforma in un braccio di ferro sempre più disperato, e l’avventura iniziata con l’acquisto di un’isola si conclude con il tr...

L'uomo che amava le isole - L'uomo che era morto (Le Storie)

L'uomo che amava le isole - L'uomo che era morto (Le Storie) di

In "L'uomo che amava le isole" un uomo sogna di possedere un'isola, di divenire il signore di un piccolo mondo separato che sia creazione e specchio della sua personalità. Ma né gli uomini, né la natura si lasciano facilmente trasformare in specchio di qualcuno. In "L'uomo che era morto" Lawrence si misura con la vicenda paradigmatica della storia dell'Occidente: la morte di Cristo. E lo fa all...