Film parlato: e altri racconti (Biblioteca Adelphi)

Compra su Amazon

Film parlato: e altri racconti (Biblioteca Adelphi)
Autore
Irène Némirovsky
Editore
Adelphi
Pubblicazione
06/11/2013
Categorie
Il 6 marzo 1931, nella nuova sala Gaumont degli Champs-Élysées, venne proiettato il primo film parlato francese, quel "David Golder" che Julien Duvivier aveva tratto dal fortunato romanzo di Irène Némirovsky, apparso due anni prima. Alcuni critici sospettarono che l’autrice, abilissima nel da­re ritmo ai dialoghi, lo avesse addirittura scritto in vista dell’adattamento. Non era così, naturalmente, ma che il cinema fosse una sua passione, e che abbia sempre esercitato una forte influenza sul suo modo di rac­con­tare, è indubbio: «I personaggi si muovono davanti ai miei occhi» diceva lei stessa. E pro­prio alla tecnica cinema­tografica si ispi­ra "Film parlato" – il primo e il più lungo dei racconti qui radunati –, che la Némi­rovsky conduce con mano sicura, in un ma­gi­strale alternarsi di dissolvenze incrociate, flash-back, campi e contro­cam­pi, ellissi tem­porali, e con un’attenzione maniacale, co­me fa notare il curatore, per i dettagli visivi e sonori: il risultato è di un’efficacia e di una novità sorprendenti. Appassionata lettrice di ?echov, Irène Némirovsky non smise mai di scrivere racconti, fino agli ul­ti­mi giorni della sua vita. E il lettore sco­prirà con delizia che anche nella misura breve la Némirovsky rag­giun­ge esiti di scin­tillante perfezione.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Irène Némirovsky

La pedina sulla scacchiera (eNewton Classici)

La pedina sulla scacchiera (eNewton Classici) di

Traduzione di Fausta Cataldi VillariEdizione integraleLa pedina che si muove sulla scacchiera di un mondo devastato dalla crisi mondiale degli anni Trenta del secolo scorso è Christophe Bohun, anonimo impiegato nell’azienda dell’acciaio fondata dal padre, ma ormai finita nelle mani del socio, dopo un terribile crac finanziario. Christophe si sente “condannato a vivere”, si lascia trasportare da...

Il malinteso (Emozioni senza tempo)

Il malinteso (Emozioni senza tempo) di

‘Il malinteso’ è il primo romanzo di Irène Némirovsky. Denise, donna della Parigi bene sposata con il ricco Jacques, incontra sulla spiaggia di Hendaye Yves, giovane prestante con un passato di ricchezza e un presente da misero impiegato. Denise, annoiata in un matrimonio fatto di tiepido affetto, scopre il vero amore e vive giorni indimenticabili. Il rientro a Parigi sarà come un violento risv...

Il vino della solitudine (Emozioni senza tempo)

Il vino della solitudine (Emozioni senza tempo) di

"Il vino della solitudine" è tra i romanzi della Némirovsky quello più intimo, personale, autobiografico. Hélène detesta la madre con tutte le sue forze, ma cerca di ubbidirle per evitare violenti rimproveri, e in questo conflittuale scenario si evolverà la vicenda che vedrà la loro famiglia in fuga dalla Russia verso Parigi dopo la rivoluzione di ottobre. I propositi di vendetta di Helene vers...

Jezabel (Emozioni senza tempo)

Jezabel (Emozioni senza tempo) di

Gladys Eysenach è accusata dell'omicidio del suo amante. Il pubblico che assiste al processo è curioso di conoscere ogni dettaglio di una delle vicende più sordide che il bel mondo parigino abbia visto da anni. Gladys confessa e chiede per sé una pena esemplare evocando il personaggio biblico di Jezabel. Una tragica ma affascinante vicenda che catapulterà il lettore nel mondo sfavillante degli ...

Il ballo (Emozioni senza tempo)

Il ballo (Emozioni senza tempo) di

Antoinette Kampf ha quattordici anni e vive con i suoi genitori in un lussuoso appartamento di Parigi. Non è più una bambina, ma non è ancora un'adolescente. Il padre ha dovuto lavorare sodo per accumulare una fortuna. Antoniette ha un rapporto difficile con la madre, Rosine, che insieme al marito vuole farsi accettare dall'alta società parigina. Decidono dunque di organizzare un grande ballo ...

Come le mosche d autunno (Emozioni senza tempo)

Come le mosche d autunno (Emozioni senza tempo) di

Tat'jana Ivanovna è la sola che ricorda nel piccolo appartamento buio che hanno preso in affitto. Vede i Karin, lei che è stata testimone del loro splendore, che ha visto crescere, che ha curato e amato per due generazioni con fedeltà inesausta, girare in tondo, dalla mattina alla sera, come fanno le mosche in autunno.