L'idiota (Grandi classici)

Compra su Amazon

L'idiota (Grandi classici)
Autore
Fëdor Michajlovi? Dostoevskij
Editore
BUR
Pubblicazione
30 ottobre 2013
Categorie
Il principe Myškin, dopo gli anni trascorsi in una clinica svizzera, rientra in Russia. Sul treno che lo porta a Pietroburgo, conosce il rozzo Rogožin. Questi, invaghitosi della splendida Nastas’ja Filippovna, cerca di conquistarla col denaro appena ereditato. La giovane, sedotta in passato dal suo tutore e tormentata dal suo stato di donna “perduta”, è oggetto delle ambivalenti attenzioni di tutti, compresa Aglaja, avvenente ragazza da marito, altrettanto insofferente del suo ruolo. Myškin, grazie alla sua anomala ingenuità e alla disarmante mitezza, le conquista entrambe, divenendo oggetto di contesa. Egli, tuttavia, pare ossessionato soprattutto da Rogožin, a cui lo vincola uno strano sentimento.
Le relazioni paradossali che si intrecciano nel romanzo costituiscono uno spettacolare affresco della complessità e incongruenza dei comportamenti umani.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Fëdor Michajlovi? Dostoevskij

Il giocatore (i grandi romanzi BUR)

Il giocatore (i grandi romanzi BUR) di

l Giocatore, indimenticabile romanzo breve o racconto lungo, venne dettato da Dostoevskij ad Anna Snitkina perché gli mancava il tempo per scriverlo. È la storia di un progressivo, inarrestabile impoverimento, non solo economico, ma anche, o innanzitutto, morale. Eppure, narrata con una certa dose di umorismo, si legge d’un fiato. E si fatica a credere che d’un fiato sia stata dettata. Dostoevs...

Il sosia (BUR RAGAZZI BEST)

Il sosia (BUR RAGAZZI BEST) di

Il mite e umile consigliere Jakòv Petrovic’ Goljadkin non è quello che sembra: vive in lui un doppio, un “sosia”. Il suo io non è un tutto compatto e unico, bensì un mobile e disintegrabile complesso di impulsi che possono scindersi in altri io, tra loro in alternanza e in conflitto.Il suo sosia non è semplicemente una persona tanto somigliante a lui da poter essere per lui scambiata, ma, come ...

Memorie dal sottosuolo (i grandi romanzi BUR)

Memorie dal sottosuolo (i grandi romanzi BUR) di

Io non solo non ho saputodiventare cattivo, ma nonho saputo diventare niente:né cattivo né buono,né furfante né onesto,né eroe né insetto.E ora vivo nella mia tanafacendomi beffe di me stesso...

Delitto e castigo (i grandi romanzi BUR)

Delitto e castigo (i grandi romanzi BUR) di

Solitudine, lacerazione e rivolta. Il romanzo sulla violenza della vita pensata, dove corruzione e innocenza sono ancora una cosa sola. Scritto da un uomo malato e insorto, reduce da quattro anni di lavori forzati e da una fi nta fucilazione, questo libro porta nella letteratura la vicinanza esplosiva alla propria anima e lo scorticamento, il trauma del pensiero e della coscienza che erompono d...

L'idiota (Garzanti Grandi Libri)

L'idiota (Garzanti Grandi Libri) di

L’idiota non è solo un libro straordinario, ma una sfida al mondo che conosce soltanto valori materiali. Tutto il romanzo ruota intorno al protagonista, il principe Myškin, uno spirito puro, incapace di adeguarsi al cinismo, alla meschinità che dominano intorno a lui: con la sua disarmante bontà, la sua innocenza assoluta, egli aspira all’armonia totale. Myškin s’innamora della bellissima Nasta...

Povera gente

Povera gente di

Opera prima di Dostoevskij, "Povera gente" è un breve romanzo epistolare che lo scrittore russo iniziò nel 1844, all'età 23 anni, e pubblicò nel 1846 dopo numerose riscritture.Makar, oscuro impiegato statale di quasi cinquant'anni, e Varvara, una giovane orfana che a stento si guadagna da vivere con modesti lavori di cucito, pur abitando nello stesso caseggiato – le finestre delle loro stanze d...