I morti (Einaudi tascabili.Serie bilingue Vol. 136)

Scritto durante il volontario esilio triestino, nel 1907, il racconto I morti occupa un posto di rilievo non solo nella raccolta Gente di Dublino , di cui costituisce l'epilogo, ma anche nell'intera opera di James Joyce (1882-1941). Durante una festa delle sorelle Morkan, officiata dal nipote, Gabriel Conroy, fra questi e la moglie Gretta si insinua la presenza inquietante e il ricordo di un morto, Michael Furey, un innamorato di Gretta nei tempi giovanili, certamente piú vivo e possente dell'incolore consorte.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di James Joyce

Gente di Dublino (Grandi classici)

Gente di Dublino (Grandi classici) di

Pubblicato per la prima volta a Londra, da Grant Richards, nel 1914. È possibile sfuggire a una città spenta, provinciale, intontita dall’alcol e afflitta da una mortificante asfissia morale? Quando Joyce, ventenne irrequieto e pieno di talento, decide di dedicare la sua prima opera alla città in cui è nato, ha già la risposta a questa domanda. Sceglie la forma del racconto, la molteplicità del...

Gente di Dublino (Einaudi) (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 1696)

Gente di Dublino (Einaudi) (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 1696) di

Quindici storie che segnano l'esordio narrativo di James Joyce e compongono un mosaico unitario che rappresenta le tappe fondamentali della vita umana: l'infanzia, l'adolescenza, la maturità, la vecchiaia, la morte. In queste pagine Joyce ritrae oggettivamente il mondo della sua città natale, i pregi e i difetti della piccola borghesia dublinese, l'attaccamento alla tradizione cattolica, ...

Ulisse (eNewton Classici)

Ulisse (eNewton Classici) di

A cura di Enrico TerrinoniTraduzione di Enrico Terrinoni con Carlo BigazziEdizione integraleUlisse di James Joyce, sin dal giorno della sua pubblicazione – il 2 febbraio del 1922, quarantesimo compleanno dell’autore – era destinato a mutare radicalmente le sorti della letteratura contemporanea. Il romanzo è la cronaca di una giornata reale, un inno alla cultura e alla saggezza popolare, e il ca...

Gente di Dublino

Gente di Dublino di

Gente di Dublino (titolo originale: Dubliners) è una raccolta di racconti scritta da James Joyce (con lo pseudonimo di Stephen Daedalus) pubblicata originariamente da Grant Richards nel 1914, dopo essere stata rifiutata da molte case editrici. I protagonisti del libro sono persone di Dublino, di cui vengono narrate le loro storie di vita quotidiana. A dispetto della banalità del soggetto, il li...

Scrivere pericolosamente. Riflessioni su vita, arte, letteratura (Filigrana)

Scrivere pericolosamente. Riflessioni su vita, arte, letteratura (Filigrana) di

Nel 2011 ricorre il settantesimo anniversario della morte di James Joyce, ma per i lettori e gli scrittori di tutto il mondo l’autore dell’Ulisse e di Gente di Dublino è più vivo che mai, come dimostra il successo del Bloomsday, la commemorazione che, da più di mezzo secolo a questa parte, il 16 giugno di ogni anno vede svolgersi eventi in suo onore in centinaia di città. Minimum fax ha scelto ...

Gente di Dublino (eNewton Classici)

Gente di Dublino (eNewton Classici) di

Cura e traduzione di Marina Emo CapodilistaEdizione integraleCronache della paralisi spirituale, politica e sociale di una città, i quindici racconti che compongono Gente di Dublino, primo grande esito narrativo di Joyce e opera fondamentale della letteratura europea contemporanea, sono lo specchio di un’Irlanda avvilita, frustrata, delusa: prigionieri della noia, dell’angoscia, dell’atrofia di...