Il perimetro della felicità: Il grande inquisitore (Minima)

La libertà, per cui i popoli hanno combattuto guerre, sollevato rivolte, decapitato sovrani, è un fardello dal peso insopportabile. Gli uomini sono in grado di sostenerlo solo al prezzo della spensieratezza e della felicità: e perciò la Chiesa, di cui il Grande Inquisitore ? portavoce, ha posto divieti e prescrizioni, nel rispetto dei quali l’uomo può finalmente vivere felice. Cristo, miracolosamente tornato fra gli uomini della città di Siviglia, porta un sovversivo messaggio d’amore e libertà incondizionata: dalla Chiesa non può che essere arrestato, riconosciuto e inevitabilmente condannato.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Fëdor Michajlovi? Dostoevskij

I fratelli Karamazov (Grandi classici)

I fratelli Karamazov (Grandi classici) di

La libertà, la colpa, l’espiazione. Le vicende dei quattro fratelli Karamazov indagano tra le pieghe più oscure dell’animo umano, alla ricerca incessante del confine tra bene e male. Per dare voce ai dilemmi etici più radicali, Dostoevskij mette in scena un parricidio, come fecero Sofocle nell’Edipo re e Shakespeare nell’Amleto. Così l’uccisione del vecchio Fëdor serve a tratteggiare personaggi...

I capolavori (L'adolescente - Delitto e castigo - I demoni - I fratelli Karamazov - Il giocatore - L'idiota - Memorie dal sottosuolo - Le notti bianche ... (Garzanti Grandi Libri - I capolavori)

I capolavori (L'adolescente - Delitto e castigo - I demoni - I fratelli Karamazov - Il giocatore - L'idiota - Memorie dal sottosuolo - Le notti bianche ... (Garzanti Grandi Libri - I capolavori) di

In qualunque storia del romanzo moderno, a prescindere dal metodo e dal gusto di chi la scrive, Fëdor Dostoevskij (1821-1881) è destinato inevitabilmente a occupare uno dei capitoli centrali. Nella sua opera si espandono e giungono a piena maturazione i caratteri maggiormente significativi della grande narrativa dell'Ottocento: il senso del drammatico dei conflitti sociali, la riflessione indiv...

I demoni (Garzanti Grandi Libri)

I demoni (Garzanti Grandi Libri) di

La critica russa lo definì «il libro della grande ira». Un romanzo cupo e disperato, in cui tornano i grandi problemi posti da Delitto e castigo: la personalità, la libertà, l'esistenza di Dio, tessuti intorno a una impietosa critica della sconsiderata cecità della borghesia liberale e dello spirito rivoluzionario dietro cui si annidano cinismo e un troppo fragile progetto politico. Nei Demoni ...

Il sosia (Garzanti Grandi Libri)

Il sosia (Garzanti Grandi Libri) di

Storia di uno sdoppiamento psichico che conduce il protagonista alla follia, Il sosia affronta un tema caratteristico dell'opera di Dostoevskij: la scissione dell'io, lo scontro tra un io impacciato, tormentato, goffo, eternamente perseguitato e un io sfrontato, aggressivo, covo dell'inespressa bassezza che si annida nel profondo. Il racconto si svolge in quattro giornate, con un crescendo di a...

Umiliati e offesi (Garzanti Grandi Libri)

Umiliati e offesi (Garzanti Grandi Libri) di

Narratore delle vicende di Umiliati e offesi è un giovane scrittore, nel quale l'autore ha raffigurato se stesso esordiente. Intorno a lui si dipanano tre plot narrativi che portano in primo piano due figure femminili: Nataša e Nelly, una donna e una bambina. All'inizio del romanzo Nataša fugge dai genitori per amore di Alëša, alla fine torna dai genitori, abbandonata da Alëša: tra questi due m...

Racconti (Garzanti Grandi Libri)

Racconti (Garzanti Grandi Libri) di

I primi racconti di questo volume furono scritti da Dostoevskij negli anni immediatamente precedenti l'arresto e la condanna ai lavori forzati; gli altri sono coevi dei capolavori della maturità. Dagli uni agli altri - tutti popolati da un'umanità descritta con sofferta partecipazione - si dilata il discorso sul «sottosuolo» e squarci sempre più profondi si aprono sui meandri contorti della psi...