Uno nessuno e centomila

Uno, nessuno e centomila, pubblicato dopo una lunga gestazione nel 1926, è l’ultimo romanzo di Pirandello e di certo uno dei più complessi e interessanti. Già nel titolo è racchiusa la chiave di volta per comprendere quella che potremmo definire la ‘filosofia pirandelliana’. Vitangelo (Gengè) Moscarda, il protagonista della storia, si rende conto, a partire da una considerazione fatta dalla moglie sul suo naso, che la realtà non è unica ma “scomposta” in più parti. Egli passa attraverso vari stadi di disgregazione dell’Io (uno, nessuno e centomila appunto), fino ad arrivare a una sorta di alienazione da se stesso e dal suo vero essere. L’umorismo e l’analisi psicologica, tratti tipici della prosa pirandelliana, raggiungono qui il loro acme.


Luigi Pirandello nasce ad Agrigento il 28 giugno 1867. Considerato, a ragione, come uno dei più grandi drammaturghi del XX secolo è autore prolifico, caratterizzato da un umorismo pungente e grottesco. Sei personaggi in cerca d’autore e Il fu Mattia Pascal, solo per citarne due tra le più famose, rimangono esempi di opere senza tempo. Il suo nome resta indissolubilmente legato al teatro, ma egli fu autore anche di sette romanzi e numerose novelle, nonché di componimenti poetici. Nel 1934 viene insignito del premio Nobel per la letteratura. Muore a Roma il 10 dicembre 1936.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Luigi Pirandello

Ciascuno a modo suo

Ciascuno a modo suo di

Siamo nell’antico palazzo della nobile signora Donna Livia Palegari, nell’ora del ricevimento, che sta per finire. Si vedrà in fondo, attraverso tre arcate e due colonne, un ricchissimo salone molto illuminato e con molti invitati, signori e signore. Sul davanti, meno illuminato, vedremo un salotto, piuttosto cupo, tutto damascato, adorno di pregiatissime tele, la maggior parte di soggetto sacr...

La Mosca: (Illustrated) (Novelle per un anno Vol. 5)

La Mosca: (Illustrated) (Novelle per un anno Vol. 5) di

Pirandello cominciò a pubblicare su giornali e riviste molto presto. Nel 1922, visto il successo, progettò una raccolta unica, "Novelle per un anno": 365 novelle, quanti sono i giorni dell’anno.Tuttavia il disegno rimase incompiuto: ne rimangono 246, raccolte dall’autore in 15 volumi, i cui titoli sono: "Scialle nero", "La vita nuda", "La rallegrata", "L’uomo solo", "La mosca", "In silenzio", "...

Tutt'e tre: (Illustrated) (Novelle per un anno Vol. 7)

Tutt'e tre: (Illustrated) (Novelle per un anno Vol. 7) di

"Tutt'e Tre" è la settima raccolta di "Novelle per un Anno".Pirandello cominciò a pubblicare su giornali e riviste molto presto. Nel 1922, visto il successo, progettò una raccolta unica, "Novelle per un anno": 365 novelle, quanti sono i giorni dell’anno.Tuttavia il disegno rimase incompiuto: ne rimangono 246, raccolte dall’autore in 15 volumi, i cui titoli sono: "Scialle nero", "La vita nuda", ...

La Giara: (Illustrated) (Novelle per un Anno Vol. 11)

La Giara: (Illustrated) (Novelle per un Anno Vol. 11) di

"La Giara" è l'undicesima raccolta di "Novelle per un anno".Pirandello cominciò a pubblicare su giornali e riviste molto presto. Nel 1922, visto il successo, progettò una raccolta unica, "Novelle per un anno": 365 novelle, quanti sono i giorni dell’anno.Tuttavia il disegno rimase incompiuto: ne rimangono 246, raccolte dall’autore in 15 volumi, i cui titoli sono: "Scialle nero", "La vita nuda", ...

La Rallegrata: (Illustrated) (Novelle per un anno Vol. 3)

La Rallegrata: (Illustrated) (Novelle per un anno Vol. 3) di

La Rallegrata è la terza Raccolta di "Novelle per un anno".Pirandello cominciò a pubblicare su giornali e riviste molto presto. Nel 1922, visto il successo, progettò una raccolta unica, "Novelle per un anno": 365 novelle, quanti sono i giorni dell’anno.Tuttavia il disegno rimase incompiuto: ne rimangono 246, raccolte dall’autore in 15 volumi, i cui titoli sono: "Scialle nero", "La vita nuda", "...

I Vecchi e i Giovani

I Vecchi e i Giovani di

“Bisogna vivere, cioè illudersi; lasciar giocare in noi il demoniaccio beffardo, finché non si sarà stancato; e pensare che tutto questo passerà.” I Vecchi e i Giovani, parte seconda, Cap. 8