Commedie (Radici)

Compra su Amazon

Commedie (Radici)
Autore
Molière
Editore
BUR
Pubblicazione
27 agosto 2013
Categorie
Una raccolta dei principali testi teatrali del più grande commediografo di tutti i tempi. Un innovatore e senza dubbi uno dei creatori del teatro moderno, che ebbe sui contemporanei un effetto clamoroso, suscitando entusiasmi e polemiche. Un inventore di personaggi immortali, ispirati all’osservazione del mondo reale: non gli eroi della tragedia ma nemmeno le maschere delle farse, figure che conservano nel tempo la loro esemplarità. Questo libro non si presenta come un tutto Molière da conservare in biblioteca, quale definitivo monumento, magari poco o nulla frequentato, ma propone al lettore quello che è opportuno e divertente conoscere tra quanto Molière ha scritto e portato sulle scene. In primo piano i capolavori, ancor oggi presenti sui palcoscenici di tutto il mondo – Il Tartuffo, L’avaro, Il misantropo o il George Dandin (per la prima volta in BUR) – poi un gruppo di commedie meno note ma importanti nel percorso creativo dell’autore. Sono stati esclusi le opere di troppo scoperta occasione, quelle nate pour ordre du Roi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Molière

Il tartufo - Il malato immaginario (Ennesima)

Il tartufo - Il malato immaginario (Ennesima) di

Sempre attento e critico della realtà che lo circondava, Molière fu spesso osteggiato da coloro che dalle sue opere si sentivano colpiti. È il caso de Il Tartufo: un attacco all'Ipocrisia, incarnata in Tartuffe, un falso devoto così abile da riuscire, con l'inganno di una condotta apparentemente integerrima, a ottenere ciò che di più caro possiede Orgon, colui che lo ha accolto in casa. Il Mala...

L'Avaro (eNewton Classici)

L'Avaro (eNewton Classici) di

Cura e traduzione di Luigi SquarzinaEdizione integrale con testo francese a fronteQuesta commedia, concepita nel 1668, è indubbiamente fra le più famose di Molière. «L’Avaro, in cui il vizio distrugge ogni pietà che unisce il padre al figlio, è di una straordinaria grandezza e raggiunge un alto livello di tragicità»: anche Goethe al pari di tanti altri critici leggeva, dietro l’apparente comici...