Anna Karenina

Introduzione di Michajlovic Kovolsky

Immane capolavoro del realismo russo, al suo esordio fu stroncato dalla critica, bollato come una espressione frivola dell’alta società dell’epoca. Definito, invece, dallo scrittore Fëdor Michajlovi? Dostoevskij “perfezione in quanto opera d’arte…niente della letteratura europea della nostra epoca può esserle paragonato”. Gli fa coro Vladimir Vladimirovi? Nabokov, che aggiunse «il capolavoro assoluto della letteratura del XIX secolo]».
L’opera si ispira, per ammissione dello stesso Tolstoj, allo scrittore e poeta russo Aleksandr Sergeevi? Puškin. Frutto di una sorta di ossessione creativa, nata dalla potenza evocativa di una frase: «nudo gomito femminile di un elegante braccio aristocratico». Monumento letterario in luce. Il romanzo si articola in otto parti. Ma chi è Anna Karenina? Prima l’introduzione della figura di Stepan Arkad’i? Oblonskij (“Stiva”), fedifrago ufficiale civile sposato con Dar’ja Aleksandrovna (“Dolly”). Anna è la sorella di Stiva, che la chiama da San Pietroburgo per tentare di riallacciare il rapporto con Dolly. Questa la premessa narrativa al percorso di eventi che traccia la parabola di Anna Karenina.
Gli ambienti sono quelli delle più alte classi sociali russe, toccando temi diversi che vanno dalla fedeltà al ruolo della famiglia, dall’ipocrisia nei rapporti alla funzione del matrimonio. Senza per questo tralasciare altre questioni centrali in una società di fine ottocento, ovvero il progresso e la contrapposizione tra sistema sociale agrario e quello cittadino. Anna è l’emblema dell’alta società di San Pietroburgo, almeno fino quando non lascerà il marito per il conte Vronskij. Relazione complicata. A questa il romanzo contrappone il solido e onesto rapporto tra Levin e Kitty, indiretta dimostrazione dell’incapacità di Anna di impegnarsi nella ricerca della felicità. Un’incapacità che porterà al peggio.
«Tutta la varietà, tutta la delizia, tutta la bellezza della vita è composta d’ombra e di luce». Per vivere l’ambiguo dualismo di una Russia sofisticata e ipocrita, infelice e gaudente, non c’è niente di più sublime che Anna Karenina di Lev Tolstoj.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Lev Tolstoj

La tempesta di neve e altri racconti (Emozioni senza tempo)

La tempesta di neve e altri racconti (Emozioni senza tempo) di

Questa raccolta di racconti ha per protagonista l'uomo e la natura. Ne 'La tempesta di neve' osserviamo una comunità che viene colta da una bufera di neve: Tolstoj descrive le diverse reazioni degli individui di fronte a una minacciosa espressione di potenza naturale. Pur nella loro diversità, ognuno reagisce in maniera forte, controllando lo spavento, nel rispetto della forza della natura e de...

La sonata a Kreutzer (Emozioni senza tempo)

La sonata a Kreutzer (Emozioni senza tempo) di

Tolstoj, all'epoca di questo romanzo, era tormentato dal tema dell'amore e del matrimonio: due elementi centrali nella sua vita privata. Scrisse così quest'opera che è raccontata dalla voce del protagonista, in un crescendo sentimentale e drammatico attraverso un rapporto inscindibile di odio e amore con la donna che gli ha stravolto la vita. Non è una tragedia di gelosia, ma l'indagine psicolo...

La confessione

La confessione di

«...Basta solo che non pecchi. E che non ci sia in me cattiveria. Ora non ce n'è.»Diari, Lev Nikolàevič Tolstòj. "La confessione" è un trattato autobiografico di Lev Tolstoj di contenuto religioso.Distribuita per la prima volta in Russia nel 1882, l'opera venne subito sequestrata per il suo contenuto ritenuto blasfemo.Venne pertanto pubblicata per la prima volta a stampa a Ginevra nel 1884.Nell...

La confessione (Emozioni senza tempo)

La confessione (Emozioni senza tempo) di

Trattato autobiografico pubblicato nel 1882 in una Russia particolarmente rigida dal punto di vista del pensiero religioso, fu immediatamente sequestrato perché ritenuto blasfemo. Soltanto due anni dopo venne divulgato liberamente, in Svizzera. Il testo è interessante perché Tolstoj in queste pagine nega in maniera assoluta i sacramenti e si scaglia apertamente contro la chiesa organizzata, rit...

Confessione

Confessione di

Confessione è un trattato autobiografico di Lev Tolstoj di contenuto religioso. Distribuita per la prima volta in Russia nel 1882, l'opera venne subito sequestrata per il suo contenuto ritenuto blasfemo. Venne pertanto pubblicata per la prima volta a stampa a Ginevra nel 1884. Nella Confessione, Tolstoj respinge il misticismo, negando il valore dei sacramenti («Il maggior nemico del vero cristi...

Padre Sergio (Emozioni senza tempo)

Padre Sergio (Emozioni senza tempo) di

Un racconto scritto tra il 1889 e il 1891, ma pubblicato postumo solamente nel 1911. È la storia di un principe, Stepan Kasatskij, la cui carriera di brillante aristocratico subirà un taglio netto quando l'uomo, in seguito a una crisi mistica, deciderà di dedicarsi alla vita religiosa: diviene così monaco, con il nome di padre Sergio. Per raccontare questa vicenda, Tolstoj visse effettivamente ...