Il povero Piero

Povero Piero: da vivo, scrittore misconosciuto, e da morto sballottato, trafugato, nascosto negli armadi, ricoperto da valanghe di epitaffi, necrologi, addobbi vari, nonché dai pianti e dall’escandescenze di cognati, suoceri, cugini e nipoti. Finché, forse per lo choc della morte, risuscita e poi rimuore per davvero, portando il più assoluto scompiglio nel funerale già dirottato verso un altro defunto…
Ma la sua sgangherata vicenda offre ad Achille Campanile l’occasione per alcune serissime considerazioni e ipotesi sull’assurdità dei comportamenti umani, e per alcuni ritratti graffianti sotto l’apparente svagatezza.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Achille Campanile

Tragedie in due battute

Tragedie in due battute di

Messe in scena per la prima volta nel 1925, le Tragedie in due battute rappresentano un momento di grande innovazione nella storia della letteratura italiana del Novecento. Atti unici, le tragedie ruotano, in deduzione epigrammatica dal titolo, attorno alla spiegazione dello stesso e mettono in luce, con sottile arguzia, laparadossale pericolosità di luoghi comuni e di osservazioni banali, scar...

La moglie ingenua e il marito malato

La moglie ingenua e il marito malato di

In una mattina di luglio il professor Rune sale sul treno che lo porterà, come ogni settimana, al mare da Adele, la giovane moglie. Fa per sedersi quando coglie un riflesso nello specchio. Orrore! Sulla fronte gli sono spuntate due corna belle grosse. Da lì a incolpare la moglie assente, il passo è breve. L’ingenua Adele ha tradito davvero il marito che adora? Non sarà piuttosto una bizzarra ma...

In campagna è un'altra cosa

In campagna è un'altra cosa di

Il giovane Serenello in vacanza dagli zii in campagna un giorno incontra una “graziosa signorina” e lentamente se ne innamora. Le prime timide schermaglie, i baci, l’inevitabile piccolo dramma, il trionfo e, subito, la fine delle vacanze e il rito degli addii. Campanile disegna un ritratto umoristico di un piccolo mondo di provincia, dove si muovono personaggi come il cugino Amleto, nottambulo ...

Giovinotti, non esageriamo!: (E sia detto anche alle ragazze)

Giovinotti, non esageriamo!: (E sia detto anche alle ragazze) di

Un pallone scompare in cielo durante una partita di calcio, un altro finisce misteriosamente sulla testa di Fiordaliso il Malvagio, sindaco del dimenticato paese di Ponte sul lago. Tra gli undici ragazzi del posto scoppia l’entusiasmo e si decide di fondare una squadra. Ma gli strambi abitanti del paesello incappano ben presto nei cosiddetti banditi del pallone, che si sostituiscono ai giocator...

L'inventore del cavallo: e altre quindici commedie

L'inventore del cavallo: e altre quindici commedie di

L’umorismo paradossale, amaro e sentimentale, pieno di trovate stilistiche, appartiene alla categoria dell’assurdo che Campanile ha anticipato sin dagli anni Venti in teatro con L’inventore del cavallo. Oltre alla commedia che dà il titolo alla raccolta, una satira alle accademie dove tutto è imbalsamato, formalistico e puerile, altre celebri commedie. Ecco un mondo d’inventori inesistenti, di ...

Agosto moglie mia non ti conosco

Agosto moglie mia non ti conosco di

Un luogo di villeggiatura sul golfo di Napoli, un gruppo di villeggianti ansioso di divertimenti, una pensioncina dove il cibo non è certo buono. Amori e amorazzi sullo sfondo. un naufragio. un’intricata vicenda di donne bellissime, dongiovanni impenitenti, cinture di castità, palombari… Una ridda delle più incresciose avventure fino al casuale scioglimento conclusivo. Un modo ironico di rappre...