Infanzia (Classici moderni)

Compra su Amazon

Infanzia (Classici moderni)
Autore
Maksim Gor'kij
Editore
BUR
Pubblicazione
25 giugno 2013
Categorie
Scritto nel 1813, Infanzia è il primo di una trilogia autobiografica che comprende anche Fra la gente e Le mie università. In una sorta di bildungsroman, Aleksej Peškov (alias Gor’kij) percorre le tappe della propria infanzia: dalla morte del padre all’abbandono della madre; dalla difficile vita a casa del nonno al rapporto privilegiato con la nonna materna, che con il suo mondo di fiabe e leggende aiuterà il piccolo Aleksej ad affrontare le barbarie della vita; dall’incontro con una folla variopinta di stravaganti e indimenticabili personaggi del sottosuolo russo, al momento in cui, rimasto orfano di entrambi i genitori, si guadagnerà da vivere da solo nel vasto mondo. È il tenue filo della memoria quello con cui Gork’ij lega le varie
vicende che si intrecciano in questo romanzo breve permeato di una dolce e struggente malinconia, dove a una inestricabile miscela di pianto e riso si mescola il lento scorrere dei ricordi e delle impressioni.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Maksim Gor'kij

?elkaš

?elkaš di

Le vicende descritte nel racconto “?elkaš” si svolgono in una città portuale, in riva al mare. I personaggi principali del racconto sono ?elkaš e Gavrila. Il primo è un vecchio ubriacone senza tetto e ladro, mentre il secondo è un giovane contadino capitato lì dopo aver tentato senza successo di trovare un lavoro.

Il burlone L'angoscia di Maksim Gor'kij

Il burlone L'angoscia di Maksim Gor'kij di

Il burlone L'angoscia di Maksim Gor'kij

Lenin, un uomo

Lenin, un uomo di

Il ritratto di Lenin attraverso i ricordi vergati dal grande scrittore realista russo Gor’kij. Quadri sparsi di situazioni e momenti per l’autore indimenticabili; alla descrizione e alla ricostruzione analitica, Gor’kij preferisce rammentare la battuta, la postura del corpo, la luce che passava nel lampo dello sguardo, per fissare la situazione notevole nell’immaginazione del lettore. Ovviament...