Tre anni

Compra su Amazon

Tre anni
Autore
Anton Cechov
Editore
Edizioni Clandestine
Pubblicazione
18 giugno 2013
Categorie
Tre anni - Anton Cechov


Capolavoro dello scrittura russo, Tre anni, narra la storia di Aleksiej, figlio di un ricco commerciante moscovita, che si innamora, non ricambiato, di una giovane fanciulla di provincia.
Pur non provando per lui alcun affetto Giulia, decisa ad abbandonare la vita di campagna, acconsente al matrimonio. Giunta a Mosca, però, mostra nei confronti del marito un'indifferenza che rasenta, talvolta, l'ostilità e, nel tentativo di non subirne a lungo la presenza, comncia a frequentare nuovi amici, gettandosi nell'allegria della vita notturna di città. Deluso, Aleksiej si accorge di aver commesso un grave, quanto irreparabile errore, che lo porta a sprfondare nell'angoscia e nella depressione.
In Tre anni Cechov dipinge una grigia mediocrità, rivelandosi, come suo solito, un profondo conoscitore dell'animo umano e delle tragedie che vi si celano.

Anton Cechov (1860-1904) è uno dei più conosciuti scrittori e drammaturghi russi. Tra le sue opere si ricordano: La steppa (1888), Il Monaco nero (1894), Zio Vanja (1899), Il giardino dei ciliegi (1904).

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Anton Cechov

La corsia n° 6

La corsia n° 6 di

Andrej Efimjc è il medico di uno squallido ospedale di provincia, dove i malati sono trattati come bestie. Nella corsia n° 6 sono ricoverati cinque matti, e, in particolare, Ivan Dmitric, un filosofo afflitto da mania di persecuzione, che crede nell'immortalità. Andrej Efimjc viene assalito da una profonda crisi spirituale e prende a frequentare sempre più assiduamente il malato della corsia n°...

Racconti umoristici (Introvabili)

Racconti umoristici (Introvabili) di

Da questi racconti si potrebbe quasi trarre un prontuario di situazioni procedimenti tecniche del comico: l’equivoco il calembour lo scandalo la parodia la gag clownesca la caricatura ecc. ecc. Muovendo dall’aneddoto Cechov lo costella di altrettante situazioni dinamizza il racconto breve e lo sospinge a volte fino alla soglia del grottesco. L’attenzione sempre fissa sull’«infinitesim...

Racconti (BUR RADICI)

Racconti (BUR RADICI) di

Voi mi rimproverate l’obiettività, chiamandola indifferenza verso il bene e il male, mancanza di ideali. Vorreste che quando dipingo i ladri di cavalli dicessi: è male rubare i cavalli! Ma questo è affare dei giudici, il mio lavoro consiste nello spiegare che cosa essi sono… Maestro del racconto breve, amato e imitato da moltissima letteratura del Novecento, Èechov ha affascinato generazioni d...

L’isola di Sachalìn (dagli appunti di viaggio): a cura di Bruno Osimo

L’isola di Sachalìn (dagli appunti di viaggio): a cura di Bruno Osimo di

“Il 5 luglio 1890 sono arrivato in piroscafo alla città di Nikolàevsk, una delle estremità orientali della nostra patria. L’Amùr qui è molto largo, al mare restavano soltanto 27 verste1; il posto è maestoso e bello, ma i ricordi del passato di questa regione, quello che i compagni di viaggio dicono sul duro inverno e sulle non meno dure usanze locali, la vicinanza dei lavori forzati e l’aspetto...

Zio Vanja

Zio Vanja di

Un altro spettacolare dramma in cui Čechov porta il lettore a riflettere sulle inquietudini e le ambizioni dei suoi personaggi, travolti da vicessitudini che, inesorabili, conducono taluni alla felicità, tal’altri a soccombere all’angoscia.Piccoli drammi personali legati insieme e sconvolti, come sempre, dall’amore, che con tempismo si presenta indesiderato a stendere su tutto un velo di tormen...

Il giardino dei ciliegi (L'amareneto): Versione filologica

Il giardino dei ciliegi (L'amareneto): Versione filologica di

PostfazioneHo pensato di tradurre Il giardino dei ciliegi quando mi sono accorto che gli alberi in questione non sono ciliegi, ma amareni. Il dramma ruota intorno all'impoverimento della famiglia dovuto proprio al fatto che le amarene non sono trasportabili (e quindi commerciabili) a meno di sottoporle prima a procedimenti di conservazione (marinatura). Sono proprio i procedimenti che non sono ...