Confessioni di un oppiomane

Confessioni di un oppiomane - Thomas De Quincey


“Questo ritrovato lo si poteva definire una panacea per tutti i mali, il segreto della felicità, sul quale i filosofi avevano per secoli disquisito: se non che tanta letizia la si poteva acquisire per pochi soldi e custodire nel taschino del panciotto; la si poteva sigillare in una bottiglia e la pace interiore confezionarla e spedirla in barili con un corriere postale”.

Con l’opera Confessioni di un oppiomane, scritta nel 1821, Thomas De Quincey ottenne fama e successo, divenendo fonte d’ispirazione per scrittori come Baudelaire ed Edgar Allan Poe.

L’oppio, e gli effetti che esso produce, è l’assoluto protagonista, idolo e nel contempo demone della narrazione. Dopo un iniziale periodo di benessere ed estasi, l’abuso di questa droga divenne per l’autore causa di spaventosi incubi notturni, che ne compromisero ulteriormente il già precario stato di

salute. Solo la minaccia della morte incombente, gli permetterà di emergere dalla spirale della dipendenza.

L’affascinante testimonianza di un uomo, che intende sfatare le false convinzioni condivise in materia, divulgando gioie e dolori provocati dall’assunzione dell’oppio, senza mai cadere in considerazioni di stampo moralistico.



Thomas De Quincey (1785-1859), scrittore e giornalista inglese, pubblicò, oltre alle Confessioni di un oppiomane, Klosterheim, Suspiria de Profundis, Storie di un visionario e Le avventure di una monaca vestita da uomo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Thomas De Quincey

Suspiria de profundis

Suspiria de profundis di

Suspiria de profundis si basa su alcuni sogni fatti dall’autore ritornato da un viaggio in Italia. A Milano visitò e soggiornò nella villa dei conti Imbonati, incuriosito dalle storie di fantasmi e maledizioni che facevano di villa Imbonati una casa stregata.Da questi sogni nascono le Nostre Signore del Dolore, tre figure che ispirarono il grande regista dell’horror, Dario argento, nella trilog...

L'assassinio come una delle belle arti

L'assassinio come una delle belle arti di

«La maggior parte di noi che leggiamo ha probabilmente sentito parlare di una Società per la diffusione del vizio… Fu a Brighton, credo, che venne creata una Società per la soppressione della virtù. Fu poi l’associazione a essere soppressa, ma debbo dire con rammarico che ne esiste un’altra a Londra di carattere ancor più atroce. Per le sue tendenze, potrebbe essere definita Associazione per l’...