Tutti i racconti (Einaudi tascabili. Biblioteca)

Compra su Amazon

Tutti i racconti (Einaudi tascabili. Biblioteca)
Autore
Beppe Fenoglio
Pubblicazione
21/05/2013
Racconti della guerra civile, Racconti del parentado e del paese, Racconti del dopoguerra, Racconti fantastici: è in base a quest'ordine voluto dallo stesso Fenoglio che vengono qui raccolti per la prima volta tutti i suoi racconti.
Oltre alle storie partigiane il cui nucleo tematico fu inaugurato dai Ventitre giorni della città di Alba, la parte piú cospicua del volume è costituita dai racconti «langhigiani», che tra vari progetti occuparono lo scrittore piemontese prima e dopo Il partigiano Johnny. Dietro ad essi sta l'enorme lavoro di Fenoglio, dagli anni Cinquanta fino ai suoi ultimi giorni: i personaggi e le vicende raccontati con un linguaggio vero e preciso penetrano il «mistero» della spietatezza dei rapporti umani e riportano a un paesaggio esistenziale che, attingendo a una memoria parentale o collettiva, rivela stralci di vita di una provincia per sempre perduta. In appendice il Diario e un breve testo velatamente autobiografico.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Beppe Fenoglio

Il libro di Johnny (Letture Einaudi Vol. 62)

Il libro di Johnny (Letture Einaudi Vol. 62) di Beppe Fenoglio EINAUDI

In un primo momento Beppe Fenoglio aveva ideato un unico grande ciclo di Johnny, che partiva dagli anni del liceo di Alba, proseguiva con il corso ufficiali, l'8 settembre, il complicato e pericoloso ritorno in Piemonte, l'adesione alla guerra partigiana, il passaggio dai garibaldini ai badogliani. Successivamente però, su indicazione editoriale, Fenoglio riscrisse la prima parte di ...

La paga del sabato

La paga del sabato 1 di Beppe Fenoglio EINAUDI

La paga del sabato, è stato definito dallo scrittore Antonio Pennacchi, durante il suo incontro al Salone del Libro 2016 di Torino, un lavoro di pancia, come per Il Partigiano Jonny e I ventitré giorni della città di Alba. Scritti con la consapevolezza delle cose vissute.