Lettere: 1940-1962 (I coralli Vol. 174)

Quello che Luca Bufano, con un paziente e appassionato lavoro durato alcuni anni, è riuscito a mettere insieme è un corpus di 91 lettere. Le più divertenti sono le lettere agli amici e alle amiche giovanili, nelle quali Fenoglio usa una lingua ricca e brillante, in cui è facile riconoscere il futuro scrittore. E poi ci sono le lettere, più compassate, agli editori, che saranno comunque utilissime agli studiosi per dirimere definitivamente le questioni filologiche e cronologiche della sua opera. Tra queste spiccano le 37 indirizzate a Calvino, un interlocutore che diventa subito «speciale», un amico prima ancora che un funzionario editoriale. Naturalmente non mancano, fra i destinatari, Giulio Einaudi e Livio Garzanti, e poi Gina Lagorio, Pietro Citati, Attilio Bertolucci e Gianfranco Bettetini, allora giovanissimo regista della Rai, col quale Fenoglio discute un progetto di film a cui lavorò negli ultimi due anni di vita. Infine, vengono riportati i commoventi biglietti che lo scrittore scriveva in ospedale ad amici e familiari quando non poteva più parlare e sapeva di avere pochissimo tempo davanti a sé. Le note di Bufano sono sobrie ma permettono di chiarire molto bene le varie situazioni, e contengono, quando possibile e utile, le missive corrispondenti dell'interlocutore o altri materiali testuali a cui si fa riferimento nelle lettere.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Beppe Fenoglio

Il libro di Johnny (Letture Einaudi Vol. 62)

Il libro di Johnny (Letture Einaudi Vol. 62) di

In un primo momento Beppe Fenoglio aveva ideato un unico grande ciclo di Johnny, che partiva dagli anni del liceo di Alba, proseguiva con il corso ufficiali, l'8 settembre, il complicato e pericoloso ritorno in Piemonte, l'adesione alla guerra partigiana, il passaggio dai garibaldini ai badogliani. Successivamente però, su indicazione editoriale, Fenoglio riscrisse la prima parte di ques...

Un giorno di fuoco: Racconti del parentado (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 699)

Un giorno di fuoco: Racconti del parentado (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 699) di

Nel 1963, a pochi mesi dalla morte di Fenoglio, esce per Garzanti Un giorno di fuoco : si tratta di un'opera composita, che aggiunge sette narrazioni ai sei «Racconti del parentado» che l'autore in un primo tempo avrebbe voluto raccogliere sotto questo titolo. Quest'edizione, fedele all'impostazione voluta da Fenoglio, pubblica esclusivamente quei sei racconti Un giorno di fuoco , La sposa b...

Tutti i racconti (Einaudi tascabili. Biblioteca Vol. 30)

Tutti i racconti (Einaudi tascabili. Biblioteca Vol. 30) di

Racconti della guerra civile, Racconti del parentado e del paese, Racconti del dopoguerra, Racconti fantastici: è in base a quest'ordine voluto dallo stesso Fenoglio che vengono qui raccolti per la prima volta tutti i suoi racconti. Oltre alle storie partigiane il cui nucleo tematico fu inaugurato dai Ventitre giorni della città di Alba, la parte piú cospicua del volume è costituita dai raccon...

Diciotto racconti (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 295)

Diciotto racconti (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 295) di

Oltre alle storie partigiane, sette in tutto, il cui nucleo tematico fu inaugurato dai Ventitre giorni della città di Alba , la parte piú cospicua del volume è costituita dai racconti «langhigiani», che tra vari progetti occuparono Fenoglio prima e dopo il Partigiano Johnny . Dietro ad essi sta l'enorme lavoro dello scrittore piemontese, dai primi anni Cinquanta fino ai suoi ultimi giorni: i ...

Una crociera agli antipodi: e altri racconti fantastici (L'Arcipelago Einaudi Vol. 16)

Una crociera agli antipodi: e altri racconti fantastici (L'Arcipelago Einaudi Vol. 16) di

Recuperati dalle cartelle del Fondo Fenoglio di Alba, dove erano stati archiviati dai primi studiosi insieme alle traduzioni dall'inglese, questi racconti ci rivelano un aspetto del tutto nuovo dell'autore del Partigiano Johnny . L'interesse di Fenoglio per il genere fantastico, cullato fin dagli anni giovanili in seguito all'appassionata lettura di Poe, venne improvvisamente ravvivato nel 195...

La malora (Einaudi tascabili. Scrittori)

La malora (Einaudi tascabili. Scrittori) di

Pubblicato per la prima volta nel 1954 nella collana dei «Gettoni», due anni dopo I ventitre giorni della città di Alba , La malora fu presentato da Vittorini come un libro «per molti aspetti piú bello», in cui i rapporti umani sono «ridotti alla nuda spietatezza (anche tra marito e moglie, e anche tra padre e figli)». Una storia elementare di fatica e di silenzi, di dolore e di violenza che...