Le magnifiche 7 signore della letteratura inglese (eNewton Classici)

Compra su Amazon

Le magnifiche 7 signore della letteratura inglese (eNewton Classici)
Autore
Jane Austen
Editore
Newton Compton Editori
Pubblicazione
20 maggio 2013
Categorie
AUSTEN, Orgoglio e pregiudizio
M. SHELLEY, Frankenstein
C. BRONTË, Jane Eyre
E. BRONTË, Cime tempestose
A. BRONTË, Agnes Grey
G. ELIOT, Il velo dissolto
WOOLF, Gita al faro

Edizioni integrali

Sette magnifiche signore, sette magnifici romanzi al femminile che percorrono più di un secolo di storia della letteratura inglese. A cominciare da Orgoglio e pregiudizio, le vicende della famiglia Bennet e delle loro cinque figlie da maritare, così magistralmente raccontate da Jane Austen in uno spaccato ironico e intelligente dei vizi e delle virtù della borghesia inglese della sua epoca. Per passare al celebre Frankenstein di Mary Shelley, prova eccellente di narrativa gotica dove il “mostro” è la perfetta sintesi delle nostre paure. E poi i capolavori delle tre sorelle Brontë - Charlotte, Emily e Anne - che con i romanzi Jane Eyre, Cime tempestose e Agnes Grey riassumono e comprendono le caratteristiche del periodo vittoriano: i privilegi di una rigida classe nobiliare prepotente e viziata e figure di eroi ed eroine alla ricerca del grande amore. Al romanticismo imperante cercò di ribellarsi Mary Anne Evans, più conosciuta come George Eliot che, nell’incalzante ed enigmatico Il velo dissolto, romanzo breve che sembra una novella gotica, vuole fare luce sulla parte più oscura e irrazionale dell’essenza e dell’esperienza umana. Virginia Woolf, ultima delle autrici in ordine cronologico, con il suo capolavoro Gita al faro ci offre uno splendido esempio di letteratura del XX secolo: le grandi passioni lasciano il passo all’intimismo e al flusso di coscienza.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Jane Austen

Orgoglio e pregiudizio (Grandi classici)

Orgoglio e pregiudizio (Grandi classici) di

La vanità e le debolezze della vita di provincia fanno da sfondo a un delle più belle storie d'amore della letteratura.Pubblicato a Londra, da T. Egerton, nel 1813In provincia non succede mai molto, e l’arrivo di due scapoli giovani e benestanti è un avvenimento. Specialmente in una casa con ragazze in età da marito e di scarsi mezzi, come sono le cinque sorelle Bennet. Eppure, fin dal primo in...

Orgoglio e pregiudizio

Orgoglio e pregiudizio di

Mnamon fin dall'inizio ha deciso di non pubblicare i classici della letteratura, italiana o straniera, che ciascuno può procurarsi altrove, navigando in Internet.Perché dunque questa eccezione?La decisione è motivata dall'assoluta originalità della traduzione, arricchita da note che integrano in modo completo il testo, non trascurando alcuna occasione per fornire al lettore le chiavi corrette d...

I Watson ed Emma Watson (Narrativa)

I Watson ed Emma Watson (Narrativa) di

Era il 1803 quando Jane Austen mise mano alla stesura di un romanzo che non avrebbe mai trovato compimento e sarebbe stato pubblicato per la prima volta solo nel 1871, a cura del nipote dell'autrice, James-Edward Austen-Leigh, il quale lo intitolò I Watson. Un'opera che gli amanti della grande scrittrice avrebbero sempre desiderato leggere per intero, avendo tutte le caratteristiche delle sue o...

Emma (BUR GRANDI ROMANZI)

Emma (BUR GRANDI ROMANZI) di

È un errore considerarela scrittura elegantee razionale di Jane Austen comeuna conversation piece. La Austen èuna scrittrice politica. Però sotto lerighe. La misura dei suoi dialoghicontiene una forza sovversiva: Emma è un romanzo sulla manipolazionedegli altri, sul potere che ci vuole asua immagine e somiglianza. Ma allostesso tempo (e qui si vede la grandenarratrice) è la storia di una donnas...

Mansfield Park (BUR CLASSICI MODERNI)

Mansfield Park (BUR CLASSICI MODERNI) di

Fanny Price è diversa da tutte le altre eroine di Jane Austen: nonha il senso dell’umorismo di Elizabeth Bennet né la frivolezzadi Emma, e nemmeno la consapevolezza di Elinor Dashwoodo l’irruenza di sua sorella Marianne. Fanny è tutta buon senso,umiltà, riservatezza e vulnerabilità. È il personaggio più passivodel romanzo, eppure dal punto di vista dell’azione morale, Fannyè la più attiva perch...

Romanzi (BUR RADICI)

Romanzi (BUR RADICI) di

Jane Austen morì a soli quarantadue anni, ma nei pochi anni in cui scrisse, riuscì a creare dei piccoli capolavori che continuano ad appassionare critici e lettori.Non possiamo negare che le sue eroine siano indimenticabili. Come si può non ricordare la prontezza di spirito di Elizabeth Bennet o di Elinor Dashwood? E il pudore tutto femminile di Annie Elliot? L’irruenza passionale di Catherine ...