Nel ventre della balena (I grandi tascabili)

Compra su Amazon

Nel ventre della balena (I grandi tascabili)
Autore
George Orwell
Editore
Bompiani
Pubblicazione
3 aprile 2013
Categorie
Ho combattuto quattro mesi sul fronte aragonese nella milizia del POUM e sono stato ferito piuttosto seriamente, ma per fortuna senza conseguenze. [...] Quanto ho visto in Spagna
e quanto ho visto da allora del funzionamento interno dei partiti politici di sinistra, mi hanno ispirato un orrore per la politica. [...] Per sentimento sono definitivamente di “sinistra”, ma sono convinto che uno scrittore può rimanere onesto solo se si mantiene libero da etichette di partito. Gli scrittori che amo di più e di cui non mi stanco mai sono Shakespeare, Swift, Fielding, Dickens, Charles Reade, Samuel Butler, Zola, Flaubert, e, fra i moderni, James Joyce, T.S. Eliot e D.H. Lawrence.
Ma penso che lo scrittore moderno che mi ha maggiormente influenzato sia Somerset Maugham, che ammiro immensamente per la sua capacità di raccontare una storia in modo diretto e senza fronzoli. Al di fuori del mio lavoro la cosa che amo di più è il giardinaggio, in particolare l’orticoltura. Mi piacciono la cucina e la birra inglesi, i vini rossi francesi, i vini bianchi spagnoli, il tè indiano, il tabacco forte, i fuochi di carbone, la luce di candela e le sedie comode. Non mi piacciono le grandi città, il rumore, le macchine, la radio, il cibo in scatola, il riscaldamento centrale, e i mobili “moderni”. I gusti di mia moglie coincidono quasi perfettamente coi miei. La mia salute è malferma, ma non mi ha mai impedito di fare qualcosa che ho voluto fare, tranne, finora, combattere nella guerra attuale. Dovrei ricordare che, anche se questa descrizione che ho dato di me stesso è fedele, George Orwell non è il mio vero nome...
(Autoritratto dell’Autore, aprile 1940)

Nuova edizione ampliata
a cura di Silvio Perrella

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di George Orwell

Senza un soldo a Parigi e Londra

Senza un soldo a Parigi e Londra di

Lucido e spietato resoconto di un periodo della sua vita nel quale conobbe "i margini della miseria", Senza un soldo a Parigi e a Londra è la prima opera di George Orwell, pubblicata nel 1933. E delle opere prime ha il fascino singolare. Quello di rivelarci un autore – e un autore della statura di Orwell – nel momento fluido eppure pienamente espressivo in cui non ha ancora cristallizzato se st...

La figlia del reverendo

La figlia del reverendo di

La figlia del reverendo venne pubblicato da un George Orwell poco più che trentenne nel 1935. Nel libro si raccontano le drammatiche vicissitudini di Dorothy, figlia di un tirannico pastore del Suffolk che, dopo essere stata educata alla più cieca obbedienza, cade quasi per un'inconscia forma di ribellione in uno stato di amnesia e inizia a vagare per i sobborghi più sordidi di Londra. Qui, er...

Diari di guerra

Diari di guerra di

Questo volume offre al pubblico italiano tre importanti inediti di George Orwell: i Diari di guerra , il celebre saggio Il leone e l'unicorno e le appassionate Lettere da Londra , scritte per la rivista socialista americana "Partisan Review". Meno noti rispetto alle opere di narrativa orwelliane, questi scritti ci consegnano, a sessant'anni di distanza, una testimonianza unica di uno dei mo...

Una boccata d'aria

Una boccata d'aria di

George Bowling, un assicuratore quarantacinquenne, tipico esemplare di un'educazione vittoriana, spera, per un attimo, di potersi salvare dal soffocante ambiente domestico ma la guerra imminente bloccherà sul nascere il suo tentativo di ribellione.

La strada di Wigan Pier

La strada di Wigan Pier di

Un romanzo verità sullo sfruttamento e la disoccupazione esistente in una cittadina mineraria dell'Inghilterra settentrionale durante gli anni Trenta. Un problema sociale denunciato dal grande scrittore inglese a tutt'oggi di grande attualità.

Letteratura palestra di libertà: Saggi su libri, librerie, scrittori e sigarette

Letteratura palestra di libertà: Saggi su libri, librerie, scrittori e sigarette di

Che cosa spinge gli uomini a scrivere? Leggere è davvero un hobby costoso, destinato alle élite e non alle masse? E ancora: qual è il legame tra linguaggio e azione politica, quale il confine tra arte e propaganda? Letteratura palestra di libertà raccoglie numerosi scritti degli anni Trenta e Quaranta - alcuni tradotti per la prima volta in italiano - nei quali Orwell affronta, da un original...