La Divina Commedia (I Grandi Classici della Letteratura Italiana Vol. 20)

Compra su Amazon

La Divina Commedia (I Grandi Classici della Letteratura Italiana Vol. 20)
Autore
Dante Alighieri
Editore
Edimedia
Pubblicazione
19/03/2013
Categorie
La Divina Commedia è uno dei sommi capolavori della letteratura di tutti i tempi. È un poema in terzine composto da tre cantiche: Inferno, Purgatorio e Paradiso, a loro volta suddivise in 100 canti. Protagonista del poema è il poeta stesso, che narra in prima persona il viaggio compiuto nell’aldilà, attraverso Inferno, Purgatorio e Paradiso. Il viaggio ha tutte le caratteristiche di una visione, di un cammino spirituale, allegorico, nel quale il protagonista apprende (e quindi trasmette ai lettori) tutta una serie di insegnamenti di ordine scientifico, morale e religioso. La Divina Commedia è un’opera monumentale che testimonia la crisi di passaggio dall’autunno del Medioevo all’alba dell’età comunale, e manifesta in toni accorati la denuncia di una condizione di decadimento dell'intera civitas cristiana. L'opera si definisce come il tentativo di restaurare un mondo che si sta frantumando, di arrestare una società in trasformazione, attraverso un monumento poetico che è anche la summa della cultura scientifica, letteraria, teologica di tutto il Medioevo. Quello di Dante si configura dunque come un nostalgico tentativo di dare un’interpretazione totalizzante, definitiva e onnicomprensiva dell’universo intero e del senso più intimo dell’esistenza. L’opera ebbe fortuna fin da subito (tanto che già Boccaccio utilizza l’epiteto “divina”) e contribuì notevolmente al consolidamento e definizione della lingua “volgare”.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Dante Alighieri

Vita nova

Vita nova di

La Vita nova è un'opera giovanile di Dante, composta di prosa e poesia (25 sonetti, 4 canzoni, 1 ballata e 1 stanza isolata). Il primo sonetto è del 1283 e l'ultimo è di nove anni dopo. La prosa nacque tutta nello stesso tempo. Dapprima appaiono evidenti gli influssi di Guittone d'Arezzo che si riallaccia alla tradizione siciliana, rinnovata dai Toscani, e alla poesia trovatorica provenzale. "D...

La Divina Commedia

La Divina Commedia di

La Comedìa, conosciuta soprattutto come Commedia o Divina Commedia è un poema di Dante Alighieri, scritto in terzine incatenate di versi endecasillabi, in lingua volgare fiorentina. Composta secondo i critici tra il 1304 e il 1321, anni del suo esilio in Lunigiana e Romagna, la Commedia è l'opera più celebre di Dante, nonché una delle più importanti testimonianze della civiltà medievale; conosc...

La Divina Commedia: Con riassunti e note storiche

La Divina Commedia: Con riassunti e note storiche di

La straordinaria opera di Dante Alighieri fornita di contenuti originali: contiene annotazioni, contenuti addizionali unici.Per facilitare la comprensione del testo, tutti i canti della Divina Commedia, Inferno, Purgatorio e Paradiso, sono preceduti da:- un utile riassunto e da- note storiche,Per tutti gli studenti e gli appassionati della Divina Commedia.L'opera, di inestimabile valore, è corr...

La divina commedia - versione illustrata: Edizione integrale

La divina commedia - versione illustrata: Edizione integrale di

"La divina commedia" è un poema scritto da Dante Alighieri in terzine di endecasillabi a rime incatenate. È diviso in 3 cantiche, Inferno, Purgatorio e Paradiso, e ogni cantica in 33 canti.

La Divina Commedia: Inferno, Purgatorio e Paradiso

La Divina Commedia: Inferno, Purgatorio e Paradiso di

La Comedìa, o Commedia, conosciuta soprattutto come Divina Commedia, è un poema allegorico-didascalico di Dante Alighieri, scritto in terzine incatenate di endecasillabi (poi chiamate per antonomasia terzine dantesche) in lingua volgare fiorentina. Il titolo originale, con cui lo stesso autore designa il suo poema, fu Comedia; e così è intitolata anche l'editio princeps del 1472. L'aggettivo «D...

La Divina Commedia

La Divina Commedia di

«Nel mezzo del cammin di nostra vitami ritrovai per una selva oscura,ché la diritta via era smarrita.Ahi quanto a dir qual era è cosa dura,esta selva selvaggia e aspra e forte,che nel pensier rinova la paura!Tant'è amara che poco è più morte;ma per trattar del ben ch'i' vi trovai,dirò de l'altre cose ch'i' v'ho scorte.Io non so ben ridir com'i' v'intrai,tant'era pien di sonno a quel puntoche la...