Trionfo della morte (I Grandi Classici della Letteratura Italiana Vol. 3)

Compra su Amazon

Trionfo della morte (I Grandi Classici della Letteratura Italiana Vol. 3)
Autore
Gabriele D'Annunzio
Editore
Edimedia
Pubblicazione
19 marzo 2013
Categorie
Il Trionfo della morte è un romanzo cupo, che rivela con spietata evidenza limiti e contraddizioni del superomismo dannunziano, la sua natura velleitaria e narcisistica. Giorgio è un giovane colto ed elegante, un esteta raffinato, che dilaniato da un’oscura inquietudine interiore, da un profondo male di vivere e da un senso di sterilità, intravede negli eccessi di una trabordante sensualità un modo per distinguersi dalla volgarità della massa, e dare un senso alla propria esistenza. Ma neppure la relazione con la sensuale Ippolita riuscirà a placare il senso di frustrazione che lo tormenta. Al contrario la presenza dell’amante diverrà per lui sempre più insopportabile: Ippolita prende così le sembianze di una nemica (una donna mantide), una figura dominatrice dalla quale Giorgio si sente ossessionato, una donna animalesca che fagocita ogni istinto vitale e potenza creatrice, in un rapporto perverso di attrazione/repulsione. Il neonato superuomo dannunziano nasce quindi già sconfitto: precipitando con l’amante da una rupe, stretto in un diabolico abbraccio, Giorgio porrà la parola fine alla propria incapacità di vivere, riuscendo a imporre solo con la morte la propria volontà di potenza.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Gabriele D'Annunzio

La città morta: Akropolis

La città morta: Akropolis di

Dall'attualissimo dramma di Gabriele D'Annunzio conteso da Sarah Bernahrdt e Eleonara Duse la sceneggiatura di un film conturbante, illuminante, che spiega le ragioni della decadenza occidentale. Una cultura e una generazione che vivono solo nel passato e non si alimentano col futuro sono destinate a vampirizzare se stesse.

Alcyone

Alcyone di

Alcyone è il titolo di una raccolta di liriche di Gabriele D'Annunzio pubblicata nel 1903, composta tra il 1899 e il 1903 ed è considerato il terzo libro delle Laudi del cielo, del mare, della terra e degli eroi. Alcyone comprende 88 liriche, ordinate secondo un criterio strutturale che non ricalca l'ordine cronologico della composizione. Tra la prima (La tregua) e l'ultima (Il commiato) si del...

Le novelle della Pescara

Le novelle della Pescara di

Le novelle della Pescara è un'opera di Gabriele D'Annunzio del 1902. Si tratta di racconti ambientati nell'allora paese di Pescara (divenuto capoluogo di provincia nel 1927 grazie a personalità come lo stesso D'Annunzio) e nella campagna circostante. L'opera nasce come raccolta di canti, con temi diversi, che acquisiscono unitarietà proprio in relazione all'elemento caratterizzante che è il ter...

La figlia di Iorio

La figlia di Iorio di

La vicenda è ambientata in Abruzzo, nel giorno di San Giovanni. La famiglia di Lazaro di Roio del Sangro sta preparando le nozze del figlio Aligi; l'atmosfera è gaia grazie ai canti e ai dialoghi allusivi ed effervescenti delle tre sorelle. Aligi pare comunque turbato da strane sensazioni e da presagi e si esprime in un linguaggio onirico. Mentre la cerimonia nuziale sta procedendo con un framm...

Il piacere

Il piacere di

Vivere la vita come un'opera d'arte, amare solo ciò che è bello, cogliere l'attimo, godere a fondo di ogni piacere e disprezzare sempre la volgarità. Ecco le semplici regole di Andrea Sperelli, giovane e nobile frequentatore di salotti nella Roma viziosa di fine Ottocento. Il suo unico scopo è quello di condurre una vita straordinaria, fatta di mondanità, donne e avventure, da seduttore impenit...

L'ALLEGORIA DELL'AUTUNNO: OMAGGIO A VENEZIA NARRATIVA ITALIANA 5

L'ALLEGORIA DELL'AUTUNNO: OMAGGIO A VENEZIA NARRATIVA ITALIANA 5 di

La magia estrema, disfatta e struggente, della Venezia autunnale. Il libro innamorato di uno dei maggiori poeti italiani. Dedicato alla grande maga, Venezia, nella sua stagione eletta: l'autunno. E, insieme, le immagini, altrettanto struggenti, di un moderno fotografo.