Tutte le avventure di Arsenio Lupin (eNewton Classici)

A cura di Gabriel-Aldo Bertozzi
Edizioni integrali

Nel 1905 l’editore Pierre Lafitte, colpito dal successo del celebre detective inglese Sherlock Holmes, chiese all’amico scrittore Leblanc di creare un personaggio francese da contrapporgli. Così, con il racconto L’arresto di Arsène Lupin, subito dopo inserito con altri in volume, iniziò il ciclo. Nello stesso periodo si parlò molto in Francia delle avventure del celebre anarchico Alexandre Marius Jacob, che rubava ai ricchi e donava ai poveri, al quale pare si sia ispirato Leblanc.
Che sorta di “ladro” è Arsène Lupin? “Ladro gentiluomo” è la definizione, coniata dall’autore stesso, dell’affascinante e irraggiungibile Lupin, amato dalle donne, ammirato dagli uomini, idolatrato dai giovani. Tale definizione, già presente nel titolo del primo volume del ciclo, Arsène Lupin, gentleman cambrioleur, divenne presto molto popolare e segnò la nascita di un mito cui il suo creatore dedicò la produzione raccolta in questo volume.
L’affascinante Arsène è anche conosciuto come “il Robin Hood della Belle Époque”, e l’abbinamento è legittimo, tranne che per un particolare: Lupin non ha armi se non la propria intelligenza, perspicacia, intuizione. Perfino i rappresentanti della giustizia, che pure non vedono l’ora di catturarlo, sono fermamente convinti che un delitto non potrebbe mai essere opera sua.
Si traveste continuamente e interpreta con maestria moltissimi personaggi, emulando in questo il suo grande ispiratore londinese; tra le sue più riuscite interpretazioni c’è quella del detective, con la quale conduce il lettore nel territorio della legalità per poi riserbargli, ovviamente, un finale a sorpresa.
Con l’espandersi del mito, Lupin ha dato vita, senza soluzione di continuità, oltre che a un’ampia serie di saggi, alle più varie forme di rappresentazione: cinema, serie TV e radiofoniche, composizioni musicali, fumetti e perfino gadget.


Maurice Leblanc
nacque in Normandia, a Rouen, l’11 novembre 1864, secondogenito di un italiano, naturalizzato francese col nome di Émile Leblanc. Trasferitosi a Parigi, frequentò l’intellighenzia del tempo: Maurice Maeterlinck, che si unirà sentimentalmente con la sorella Georgette, il conterraneo Alphonse Allais, l’autore del manifesto simbolista Jean Moréas, il parnassiano Leconte de Lisle e il diabolico Maurice Rollinat. Ma gli autori cui egli teneva di più furono Flaubert, di Rouen come lui, e Maupassant, che ritenne suo maestro e dal quale fu sostenuto. Nel 1905, spinto dall’amico editore Pierre Lafitte, pubblicò senza alcuna convinzione L’arresto di Arsène Lupin. Il successo immediato lo portò a continuare le avventure dello straordinario ladro gentiluomo, divenuto celeberrimo, con una incessante, felicissima produzione che durò fino al 1941, anno della sua morte. La sua casa nella splendida località di Étretat (Senna Marittima, sulla Manica), luogo privilegiato per le avventure del suo eroe, è oggi divenuta il museo Le Clos Arsène Lupin.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Maurice Leblanc

Herlock Sholmes arriva troppo tardi (Arsenio Lupin)

Herlock Sholmes arriva troppo tardi (Arsenio Lupin) di

RACCONTO LUNGO (27 pagine) - GIALLO - Riuscirà il più grande investigatore britannico a incastrare Arsenio Lupin? Il gioco è cominciato!La fama del genio di Herlock Sholmes era seconda, forse, solo a quella di Arsenio Lupin. Il più straordinario decifratore di enigmi che il mondo avesse mai visto, il prodigioso personaggio che sembrava forgiato in ogni sua parte dall'immaginazione di uno scritt...

La perla nera (Arsenio Lupin)

La perla nera (Arsenio Lupin) di

RACCONTO (13 pagine) - GIALLO - Questa volta Arsenio Lupin è dall'altro lato della barricata: deve risolvere un efferato delittoQuando Arsenio Lupin si introduce furtivamente nella casa della contessa d'Andillot si trova davanti una scena terrificante: la donna è stata barbaramente uccisa. E quel che è peggio, qualcuno ha rubato prima di lui lo scopo della sua visita. Chi è stato il feroce assa...

Le confidenze di Arsène Lupin (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 1421)

Le confidenze di Arsène Lupin (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 1421) di

Pubblicati in volume nel 1913, i nove racconti che compongono le Confidenze di Arsène Lupin costituiscono la miglior introduzione al celebre personaggio di «ladro gentiluomo» prima della svolta idealistica del dopoguerra. Lupin è il carismatico donnaiolo e scaltro scassinatore dalla morale ambigua che intriga e conquista. Tra tutti i Lupin che le opere di Leblanc ci hanno consegnato, il piú vic...

Arsène Lupin, ladro gentiluomo (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 1385)

Arsène Lupin, ladro gentiluomo (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 1385) di

Pubblicato nel 1907 e ambientato nella Parigi della Belle Époque tra spregiudicati aristocratici e borghesi «rispettabili», questo volume contiene la prima raccolta di racconti con all'opera il ladro gentiluomo che ha saputo trasformare il furto in un'opera d'arte. Passaggi segreti, casseforti inviolabili, gioielli reali, impenetrabili castelli: nessun ostacolo ferma l'affascinante principe d...

La cassaforte di madame Imbert (Arsenio Lupin)

La cassaforte di madame Imbert (Arsenio Lupin) di

RACCONTO (13 pagine) - GIALLO - Arsenio Lupin ricorda la sua prima avventura criminale, che non andò proprio come si aspettavaA quanto ammonta  la fortuna degli Imbert? C'è chi parla di centinaia di milioni, altri di molto meno. Ma Arsenio Lupin è convinto che tale fortuna esista, ed è determinato a impossessarsene. Con un astuto piano entra nelle confidenze del signor Imbert fino al punto di f...

Il sette di cuori (Arsenio Lupin)

Il sette di cuori (Arsenio Lupin) di

RACCONTO LUNGO (36 pagine) - GIALLO - Una rapina senza alcun furto, un ricatto, un intrigo internazionale: eventi apparentemente slegati che hanno in comune... un sette di cuori. E una mente sofisticata che ha ordito un piano diabolico.Tornato a casa dopo una sera trascorsa a discutere di crimini e misteri, un gentiluomo si trova a vivere un'esperienza drammatica: un biglietto lo avvisa che que...