Il banchiere assassinato (La memoria)

Il primo romanzo della serie con protagonista Carlo De Vincenzi, poliziotto atipico, fuori dagli schemi, poeta più che uomo d’azione: nell’appartamento del suo vecchio amico Giannetto Aurigi è trovato il cadavere di un banchiere. Tutto congiura contro Aurigi, ma De Vincenzi sa scrutare come pochi la scena del delitto e l’animo umano.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Augusto De Angelis

Il canotto insanguinato

Il canotto insanguinato di

A De Vincenzi non era mai capitato nulla di simile.Da sette ore stava interrogando quell’uomo. Sette ore di un interrogatorio serrato e martoriante, come l’anello d’una garrotta. Ogni quarto d’ora lui dava una girata alla vite, l’anello si stringeva e l’uomo boccheggiava. Ma non sapeva dir altro che: «Perché l’avrei uccisa?».E sopportava la tortura con una forza di resistenza, che appariva, più...

De Vincenzi e il mistero di Cinecittà

De Vincenzi e il mistero di Cinecittà di

Dodici persone si trovavano riunite nella serra d’inverno dell’albergo.Dodici persone visibili, di sangue carne muscoli e ossa, che vestivano panni, pensavano, agivano: e una tredicesima invisibile, tanto più presente nella sua essenza incorporea. Sicché ognuna delle altre poteva averla accanto e addosso, muta, inavvertita e implacabile.Dodici persone, provenienti da lontane parti del mondo, o ...

La barchetta di cristallo

La barchetta di cristallo di

Margaret traversò piazza della Scala troppo in fretta, e molti passanti cercarono dietro di lei, per vedere se fosse inseguita. Ma era bella e subito tornavano con lo sguardo al suo corpicino sottile e agile, stretto nella pelliccia corta.Investito dalla luce cruda delle lampade della Scala, il volto della ragazza apparve talmente bianco, che le labbra tinte erano una ferita, i capelli d’oro un...

L'albergo delle tre rose

L'albergo delle tre rose di

Pioveva a fili lunghi, che al riverbero dei fanali parevan d’argento. La nebbia diffusa, fumosa, penetrava coi suoi aghi nel volto. Sui marciapiedi scorreva ondeggiando la infinita teoria degli ombrelli. Automobili in mezzo alla via, qualche carrozza, i tranvai colmi. Alle sei del pomeriggio il buio era fitto, in quei primi giorni del dicembre milanese.Tre donne procedevano in fretta, a scatti,...

Le sette picche doppiate

Le sette picche doppiate di

La nebbia era così fitta che le lampade ad arco della strada e quelle dei negozi riuscivano appena ad aprirvi aloni rossastri.Alle quattro e mezzo del pomeriggio era notte.I viandanti procedevano per quanto possibile contro i muri, e i tranvai e le auto andavano a passo d’uomo con fragor sordo di campane e di claksons.I due uomini si scontrarono sulla soglia illuminata dell’albergo. Erano entra...

L'impronta del gatto

L'impronta del gatto di

La chiave girò nella serratura con un rumore di ferro grattato e il portone si aprì.La casa era vecchia e la serratura anche.L’uomo varcò la soglia e i suoi passi risonarono sotto l’androne. Dietro di lui, il portone batté.Appena nel cortile, dovette dare un calcio a un gatto, che gli era saettato fra i piedi.— Maledetti!La luce della lampada, sotto il porticato, lo illuminò, facendogli luccica...