Ricordi di un impiegato (Biblioteca italiana)

In questo suo racconto fortemente autobiografico lo scrittore toscano Federigo Tozzi (1883-1920) narra la storia e le difficoltà del giovane fiorentino Leopoldo Gradi, il quale, assunto come impiegato dalle Ferrovie dello Stato, viene assegnato all’ufficio della stazione di Pontedera, trovandosi così calato all’improvviso in un ambiente profondamente diverso da quello suo cittadino, lontano dalla famiglia e, soprattutto, dalla sua fidanzata.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Federigo Tozzi

Tre croci (Scrittori contemporanei)

Tre croci (Scrittori contemporanei) di

Nell’Italia del primo ventennio del Novecento, in una città di provincia: piccoli borghesi frustrati, mercanti senza affari, artigiani con ambizioni sbagliate, un’umanità sociologicamente minima sogna un sordido e facile benessere. Per ottenerlo non ha scrupoli. Dietro la rispettabilità di facciata, saltano codici morali, correttezza di comportamento, onestà individuale e di gruppo. I tre frate...

Il podere di Federigo Tozzi

Il podere di Federigo Tozzi di

Il podere di Federigo Tozzi

L'amore novelle di Federigo Tozzi

L'amore novelle di Federigo Tozzi di

L'amore novelle di Federigo Tozzi

L'incalco di Federigo Tozzi

L'incalco di Federigo Tozzi di

L'incalco di Federigo Tozzi

Novale diario di Federigo Tozzi

Novale diario di Federigo Tozzi di

Novale diario di Federigo Tozzi

Con gli occhi chiusi di Federigo Tozzi

Con gli occhi chiusi di Federigo Tozzi di

Con gli occhi chiusi di Federigo Tozzi