Faust - edizione italiana

Voi due che solete essere il mio consiglio e il mio ajuto, su ditemi: che sperate voi in paese tedesco dalla nostra impresa? Io ho gran desiderio di dare nel talento della moltitudine, da che in ultimo ella vive e lascia vivere. Le travi sono confitte, inchiodate le tavole, ogni cosa in pronto, e ciascuno si promette una lieta e magnifica festa. Già seggono cheti, con sopracciglia inarcate e vogliosi di fare le maraviglie. Ben io so quello che ne rende benevoli i più, e nondimeno io non sono mai stato in più dura irresoluzione. Perché è il vero che costoro non sono gran fatto usi alle squisitezze, ma hanno pur letto tanto che è uno spavento. Come ne usciremo adunque? come troveremo alcuna cosa che abbia novità e nel tempo medesimo non sia sciocca? Ché il vo' pur dire, a me il popolo piace oltremodo quando il veggo traboccarsi a torrenti verso il nostro casotto, e urtando e sbuffando voler di forza insaccarne la porta, come se la fosse quella del cielo. Bello è vederlo nel pieno giorno, prima delle quattro, far serra intorno al botteghino, e come nel dì della fame per pane allo sportello d'un fornajo, per poco non fiaccarsi il collo per un biglietto. E un sì gran miracolo sopra tanta varietà di animi sa farlo il solo poeta. Oh! fammelo, amico mio! fammelo oggi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Johann Wolfgang Goethe

Le affinità elettive

Le affinità elettive di

L'ineluttabilità della sofferenza amorosa nella vicenda di due coppie "sbagliate", travolte da nuove passioni. Una delle opere memorabili del grande poeta tedesco (1749-1832).

La vocazione teatrale di Wilhelm Meister

La vocazione teatrale di Wilhelm Meister di

Wilhelm Meister, protagonista indiscusso dell’opera, percorre un iter che lo conduce sempre più prossimo alla piena realizzazione della sua più intensa passione: il teatro. Un’inclinazione che scaturisce quasi in maniera casuale dal maneggiare i burattini dati in dono dalla nonna paterna al nipote bambino, e si sviluppa insieme al personaggio stesso, che tenta e riesce a staccarsi dalla sua con...

Gli anni di pellegrinaggio di Wilhelm Meister

Gli anni di pellegrinaggio di Wilhelm Meister di

Gli Anni di Pellegrinaggio è la continuazione del racconto della storia del protagonista degli Anni di apprendistato. Goethe manda nuovamente Wilhlem in pellegrinaggio e gli apre con ciò un nuovo mondo di esperienze. Goethe oltrepassò i limiti tradizionali del romanzo strutturalmente.

I dolori del giovane Werther (Universale economica. I classici)

I dolori del giovane Werther (Universale economica. I classici) di

Quando descrive la propria infelicità, quando con un gioco estenuante di anafore ci fa sprofondare in essa come in un cupo gorgo oppure ce ne svela fulmineamente l'atrocità con una frase scabra, Werther tace il fatto che la sua passione è appunto un desiderio disperato di infelicità, un desiderio di morte. L'anelito preromantico verso l'infinito svela qui il suo volto distruttivo: dinanzi a ess...

Le affinità elettive: 242 (Classici)

Le affinità elettive: 242 (Classici) di

Le affinità elettive è un romanzo di Johann Wolfgang von Goethe, pubblicato nel 1809. Il titolo deriva dall'affinità degli elementi chimici che descrive la tendenza di alcuni di essi a legarsi con alcune sostanze a scapito di altre.La storia racconta la vita di una coppia sposata che, trovandosi a convivere con un amico di lui e con la nipote di lei, va incontro al disfacimento della propria re...

I dolori del giovane Werther (Ennesima)

I dolori del giovane Werther (Ennesima) di

Nel 1774, a 25 anni, ispirandosi al proprio amore per Charlotte Buff, Goethe compose questa riuscitissima trasposizione degli affanni del giovane Werther, che tanto dà e tanto vuole, e non può che scontrarsi con un mondo accomodatosi sul compromesso. Werther, per questa sua voglia di assoluto, per questa diffidenza verso le regole, non solo diventa il prototipo dell'eroe romantico, ma sembra an...