Impegno controvoglia: Saggi, articoli, interviste: Trentacinque anni di scritti politici. (BOMPIANI TASCABILI)

Compra su Amazon

Impegno controvoglia: Saggi, articoli, interviste: Trentacinque anni di scritti politici. (BOMPIANI TASCABILI)
Autore
Alberto Moravia
Editore
Bompiani
Pubblicazione
7 maggio 2012
Categorie
"Il Moravia ’politico’ riflette sui temi pubblici dell’attualità contemporanea la stessa situazione che il Moravia ’scrittore’ indaga sul piano privato e interiore dei personaggi. I saggi politici tendono ad esplicitare e a ridurre il contrasto che nell’opera narrativa è implicito e fecondo, formulando da un lato la denuncia di un orizzonte ristretto e sostanzialmente borghese, e manifestando dall’altro lato la tensione utopica verso alternative possibili. È questa dialettica profonda a caratterizzare l’engagement di Moravia, che dunque si muove tra la polarità negativa del ’già visto’, entro cui si iscrivono esperienze oppressive pur tanto diverse tra loro quali il vittorianesimo, il fascismo, lo stalinismo, e la polarità positiva del nuovo e del ’mai visto’, che ha qui una sorta di suggestivo e precoce manifesto nel saggio del 1944 su La speranza, ovvero cristianesimo e comunismo e che Moravia addita poi, con un entusiasmo talora disarmante, in esperienze storiche come la rivoluzione culturale cinese, oppure la contestazione studentesca del Sessantotto o, in una diversa accezione, l’emergenza del Terzo Mondo. Tra il saggio del 1944 e l’anelito utopico del decennio 1968-1978 si crea così in Impegno controvoglia un cortocircuito significativo, che, mentre si presta a facili smentite e talora ad atroci ironie, documenta un aspetto importante e caratteristico del pensiero di Moravia."

dall’Introduzione di Simone Casin

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Alberto Moravia

Non so perché non ho fatto il pittore: Scritti sull’arte (1934-1990)

Non so perché non ho fatto il pittore: Scritti sull’arte (1934-1990) di

Fin dall’infanzia Alberto Moravia è affascinato dalla pittura e per tutta la vita si circonda di artisti di diverse generazioni. A partire dagli anni trenta si interessa all’arte anche con un’intensa attività critica, per la prima volta raccolta in volume. Gli scritti – un piacevole e inedito attraversamento dell’arte secondo Moravia – permettono di comprendere come l’autore contamini arte e le...

Gli indifferenti (Classici contemporanei Bompiani)

Gli indifferenti (Classici contemporanei Bompiani) di

Quando Alberto Moravia cominciò a scrivere questo capolavoro, nel 1925, non aveva ancora compiuto diciott’anni. Intorno a lui l’Italia, alla quale Mussolini aveva imposto la dittatura, stava dimenticando lo scoppio d’indignazione e di ribellione suscitato nel 1924 dal delitto Matteotti e scivolava verso il consenso e i plebisciti per il fascismo. Il giovane Moravia non si interessava di politic...

Se è questa la giovinezza vorrei che passasse presto: LETTERE [1926_1940] (Overlook)

Se è questa la giovinezza vorrei che passasse presto: LETTERE [1926_1940] (Overlook) di

con un racconto inedito“Quelle che si presentano sono lettere vere, prive di qualsivoglia progettualità retorica congegnata per lasciare un’immagine di sé filtrata dalla letteratura; tale verità, intima e personale, condivisa originariamente con il solo destinatario a cui la corrispondenza è rivolta, richiede al lettore e al critico un atteggiamento altrettanto onesto e rispettoso, necessario p...

Agostino (I libri di Alberto Moravia)

Agostino (I libri di Alberto Moravia) di

Quando nel 1944 Alberto Moravia tornò a Roma, al seguito delle truppe alleate, era praticamente un autore che ricominciava, anzi cominciava in quello stesso momento. Il romanzo breve Agostino fu il capolavoro che gli consentì di conquistare i riconoscimenti della critica e del pubblico. Agostino è la storia di un’iniziazione sessuale. Da una parte, un ragazzo di tredici anni che è ancora un bam...

La bella vita (Tascabili)

La bella vita (Tascabili) di

“… Dovremo d’ora in poi includere la precarietà tra le categorie dell’arte moraviana, quale matrice del suo inestinguibile bisogno di attualità. Moravia è uno scrittore perennemente “precoce”, necessitato a bruciare senza sosta un passato sempre “breve”, volto e per così dire condannato all’attualità …” Geno Pampaloni La bella vita è la prima delle tante raccolte moraviane di racconti. Testi...

Lettere ad Amelia Rosselli: Con altre lettere familiari e prime poesie (1915-1951) (I grandi pasSaggi Bompiani)

Lettere ad Amelia Rosselli: Con altre lettere familiari e prime poesie (1915-1951) (I grandi pasSaggi Bompiani) di

Alberto Moravia era legato per nascita ai fratelli Rosselli: Carlo e Nello, assassinati in Francia su mandato del fascismo italiano. Con loro, suoi cugini, e con tutta la famiglia Rosselli, in particolare con la zia Amelia, Moravia intratteneva un costante carteggio, qui raccolto con circa 60 lettere: Amelia Rosselli (1870-1954) svolse un ruolo decisivo nella formazione umana e intellettuale de...