La casa Tellier (Classici)

Compra su Amazon

La casa Tellier (Classici)
Autore
Guy De Maupassant
Editore
BUR
Pubblicazione
05/04/2012
Categorie
La casa Tellier è un rispettabile bordello frequentato dai borghesi di Fécamp. Una sera però i clienti abituali trovano la porta chiusa. Le prostitute sono andate in campagna ad assistere alla prima comunione di Madame Tellier, la tenutaria.Il loro arrivo mette sottosopra il piccolo paesino normanno provocando una confusione tra sacro e profano. Le lacrime di commozione nella chiesa a cui si uniscono tutti i fedeli e che sono lette dal parroco come una miracolo si mescolano alla trasgressione, al divertimento e ai desideri illegittimi che le ragazze suscitano durante il banchetto.Questa assurda commistione, che mette a nudo l’aspetto ridicolo tanto della religione quanto della sensualità, è il segnale di un profondo sconvolgimento che spezza la salda fede borghese nella realtà delle cose e sbriciola in un crudele cinismo il senso della vita.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Guy De Maupassant

Straordinarie storie di gatti: Dai più grandi scrittori di ogni epoca (Altrimondi)

Straordinarie storie di gatti: Dai più grandi scrittori di ogni epoca (Altrimondi) di

Gatti generosi, pronti a offrire subito il proprio affetto, gatti perfidi, capaci di architettare terribili trappole, gatti vittime dell’egoismo umano, gatti che ridonano ai loro padroni il perduto equilibrio spirituale; e poi gatti pasticcioni, gatti filosofi, gatti spioni, gatti rubacuori, gatti innamorati, gatti selvatici: è infinita la lista dei gatti celebrati dai grandi scrittori di ogni ...

Racconti neri

Racconti neri di

Quella intrapresa da Maupassant fu una corsa disperata contro la follia, la sifilide, la morte: entrato nella letteratura come una meteora, un giovedì sera nella casa di Zola di rue Saint-Georges, dove lesse uno dei suoi primi racconti, "Boule de suif", ne sarebbe uscito come un fulmine, stenebrando brutalmente i contorni di una riposta ossessione: a fissare una parete a Passy, nella clinica de...

I racconti della beccaccia (BUR CLASSICI MODERNI)

I racconti della beccaccia (BUR CLASSICI MODERNI) di

“Ciò che distingue particolarmente quest’opera è l’allegria, l’ironia divertente. Le novelle offrono tutte dei campioni assai diversi del buon umore beffardo dello scrittore. Solo due o tre danno all’insieme una nota drammatica” scrisse Maupassant stesso per la pubblicazione dei Racconti della Beccaccia, che proprio per questo saranno considerati a lungo solo un insieme di novelle un po’ salaci...

Pierre e Jean (Garzanti Grandi Libri)

Pierre e Jean (Garzanti Grandi Libri) di

Scritto quasi di getto in soli due mesi tra il 1887 e il 1888, Pierre e Jean è una delle più riuscite prove dell'arte di Maupassant. Quando due fratelli, animati da una forte rivalità reciproca, si trovano improvvisamente divisi a causa di un'eredità, gelosia e sospetto travolgono l'anima sensitiva e solitaria di Pierre, il maggiore, escluso dalla successione. Ma la verità, dolorosa e inesorabi...

Forte come la morte (Garzanti Grandi Libri)

Forte come la morte (Garzanti Grandi Libri) di

Spettatore di una realtà banale e tragica a un tempo, in cui ognuno è costretto a girare a vuoto in una piattezza che non consente più invenzioni, Maupassant la riversa nelle sue pagine senza sovrapporvi fronzoli letterari o riverberi di personali empatie. Storia semplice e drammatica di un amore che sboccia inatteso e divora l'anima, Forte come la morte punta ad annullare ogni scarto tra la vi...

Bel-Ami (eNewton Classici)

Bel-Ami (eNewton Classici) di

Con un saggio di Carlo BoTraduzione di Maria Pia Tosti Croce Edizione integrale «Bel-Ami sono io», diceva Maupassant con qualche ironia, echeggiando la celebre frase di Flaubert su madame Bovary. Ma quale sarà mai il punto di contatto tra lo scrittore di fama e questo Georges Duroy, giovane arrivista, cinico e privo di scrupoli al punto da farsi scrivere gli articoli dalla moglie dell’amico? Fo...