Manuale del perfetto impertinente (eNewton Classici)

Compra su Amazon

Manuale del perfetto impertinente (eNewton Classici)
Autore
Oscar Wilde
Editore
Newton Compton Editori
Pubblicazione
27 febbraio 2012
Categorie
Aforismi, pensieri, paradossi, delizie

Cura e traduzione di Riccardo Reim

Troppo spesso Oscar Wilde è stato frettolosamente relegato al rango di caustico battutista, distillatore di scintillanti aforismi buoni a tutti gli usi. In realtà, nell’opera wildiana trova espressione in forme fulminanti e paradossali una concezione modernissima dell’arte e della vita, feroce critica ante litteram della “cultura di massa”. Articolato in capitoli tematici e introdotto da un ampio saggio che ricostruisce à rebours il personaggio dello scrittore a partire dal processo che ne segnò la rovina e il fulmineo declino, questo volume insegue fin nelle pieghe del Wilde meno noto le sue intuizioni più spiazzanti, le espressioni più brillanti del suo pensiero, la vena amara che si cela sotto il suo gusto per l’artificio, quelle “preveggenze” che hanno fatto scrivere a Borges: «Leggendo e rileggendo Wilde di anno in anno, noto un fatto di cui i suoi panegiristi non hanno forse avuto nemmeno il sospetto: il fatto elementare e facilmente verificabile che Wilde ha quasi sempre ragione».

«La malvagità è un mito inventato dai buoni per spiegare lo strano fascino degli altri.»



Oscar Wilde

nacque a Dublino nel 1854. Poeta, romanziere, commediografo, è il più importante scrittore dell’epoca vittoriana. Nel 1895, al culmine della sua fama, venne condannato per omosessualità a due anni di carcere duro. Morì nel 1900. Di Oscar Wilde la Newton Compton ha pubblicato: Poesie e Ballata dal carcere di Reading; L’importanza di chiamarsi Ernesto, Il ventaglio di Lady Windermere, Una donna senza importanza, Un marito ideale; De Profundis, Due lettere al «Daily Chronicle»; Il ritratto di Dorian Gray; Aforismi; Manuale del perfetto impertinente, Tutti i racconti e il volume unico Tutte le opere.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Oscar Wilde

Salomè

Salomè di

Un testo esplicitamente gay per l'opera teatrale di Oscar Wilde, presentato con testo originale a fronte e con una prefazione di Tiziano Scarpa.

Il fantasma di Canterville (Emozioni senza tempo)

Il fantasma di Canterville (Emozioni senza tempo) di

Pubblicato nel 1887 sulla rivista 'The Court and Society Review', è probabilmente il racconto più bello, amato e popolare di Wilde. Ironico, sorprendente, ambientato in un castello dell'Inghilterra di fine Ottocento infestato dallo sfortunato fantasma di Sir Simon, costretto a trascorrere tra le mura l'eternità fino al compimento di un'antica profezia, è irresistibile al pari dei suoi personagg...

Il ritratto di Dorian Gray: Versione integrale

Il ritratto di Dorian Gray: Versione integrale di

Sicuro del suo fascino e della sua avvenenza, il bellissimo Dorian Gray conduce una vita sfrenata, fatta di piaceri e di vizi nella Londra di fine Ottocento. Gli anni passano ma il giovane sembra non essere soggetto alle leggi della natura... Titolo originale: ''The Picture of Dorian Gray''.

Il fantasma di Canterville: e altri racconti

Il fantasma di Canterville: e altri racconti di

Nell'acquistare il vecchio castello dei Canterville, in Inghilterra, la famiglia Otis non avrebbe immaginato di appropriarsi anche del più mostroso ed esilarante fantasma che si ricordi... Titolo originale: ''Lord Arthur Savile's Crime and Other Stories''.

Il ritratto di Dorian Gray

Il ritratto di Dorian Gray di

L'artista è il creatore di cose belle. Rivelare l'arte e nascondere l'artista è lo scopo dell'arte. Il critico è colui che può tradurre in una maniera diversa o in un materiale nuovo l'impressione che le cose belle suscitano in lui. La più alta e la più bassa forma di critica sono tutte e due una maniera di autobiografia. Quelli che trovano nelle cose belle significati brutti sono corrotti senz...

De Profundis

De Profundis di

De Profundis è una lunga lettera che Oscar Wilde scrisse, dopo essere stato processato per omosessualità, al suo compagno, Alfred Douglas, proprio durante il periodo della carcerazione.