Liolà - I giganti della montagna (eNewton Classici)

A cura di Sergio Campailla
Edizioni integrali

Liolà, protagonista dell’omonima commedia d’ambiente siciliano, è uno spensierato dongiovanni, privo di senso etico e pieno di gioia di vivere, che viene coinvolto da Tuzza, la donna che ha messo incinta, in un bieco inganno ai danni di zio Simone. La giovane vorrebbe infatti sposare l’anziano signore benestante e ottenere denaro e status sociale. Liolà, immune dalla brama di benessere materiale, non si lascerà però circuire e infrangerà le regole della moralità comune pur di non dare man forte a Tuzza. I giganti della montagna, dramma incompiuto il cui ultimo atto fu dettato dallo scrittore ormai in fin di vita al figlio Stefano, rappresenta la morte del teatro. I giganti sono infatti i protagonisti minacciosi e invisibili del testo, profeti della materialità che hanno rinunciato a qualsiasi dimensione spirituale e destinati a scontrarsi con Ilse, che guida una compagnia di attori e crede ancora nel significato profondo della rappresentazione artistica.

«I sogni, la musica, la preghiera, l’amore… tutto l’infinito ch’è negli uomini, lei lo troverà dentro e intorno a questa villa.»


Luigi Pirandello

nato ad Agrigento nel 1867, si laureò in filologia a Bonn nel 1891. Iniziò la sua attività letteraria e teatrale quando Capuana lo introdusse nel mondo culturale romano. Dal 1897 al 1922 si dedicò all’insegnamento. Nel 1934 gli fu assegnato il premio Nobel per la letteratura. Morì a Roma nel 1936. Di Luigi Pirandello la Newton Compton ha pubblicato molte opere in volumi singoli e i volumi unici I romanzi, le novelle e il teatro; Tutti i romanzi e Novelle per un anno.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Luigi Pirandello

Questa sera si recita a soggetto - Ciascuno a suo modo (eNewton Classici)

Questa sera si recita a soggetto - Ciascuno a suo modo (eNewton Classici) di

Introduzione di Sergio Campailla. Premesse di Fulvio Abbate e Italo Borzi. Edizioni integrali. Con i due drammi qui presentati, Pirandello porta a compimento la trilogia del “teatro nel teatro” iniziata con Sei personaggi in cerca d’autore. In Questa sera si recita a soggetto, che ebbe una prima a Könisberg nel gennaio del 1930 e una prima italiana a Torino nell’aprile dello stesso anno, un reg...

L'uomo dal fiore in bocca. All'uscita (Biblioteca italiana)

L'uomo dal fiore in bocca. All'uscita (Biblioteca italiana) di

Due atti unici teatrali di Luigi Pirandello: il meritatamente celebre «L’uomo dal fiore in bocca», e il quasi dialogo filosofico «All’uscita». Completano il volume una breve nota ai testi e una cronologia della vita e delle opere di Pirandello.

Il giuoco delle parti (Biblioteca italiana)

Il giuoco delle parti (Biblioteca italiana) di

Il “gioco” delle parti in questo dramma di Pirandello è quello a tre dei personaggi principali dell’opera, il filosofico Leone Gala (il marito), Silia (la moglie), e Guido (l’amante di lei). Quando Silia decide di spezzare l’equilibrio precario delle parti assegnate loro dalla vita creando ad arte un incidente che mette in moto una sfida a duello, Leone reagisce alla situazione richiamando, a s...

L'amica delle mogli (Biblioteca italiana)

L'amica delle mogli (Biblioteca italiana) di

L’opera teatrale "L’amica delle mogli" deriva da una novella scritta da Pirandello nel 1894; il racconto fornisce però alla commedia, scritta in un lampo nell’agosto del 1926, solo lo spunto di fondo iniziale: gli anni delle ambientazioni piccoloborghesi e del realismo “sociale” sono ormai lontani, e a partire dalla ricollocazione dei personaggi in un ambiente altolocato la vicenda assume delle...

Il turno (Biblioteca italiana)

Il turno (Biblioteca italiana) di

Il secondo romanzo scritto da Pirandello (1902). Per Don Marcantonio Ravì il giovane Pepè sarebbe anche un ottimo partito per la bella figlia Stellina: è bello, è brillante, è di nobile casato, sa pure il francese… ma, ahimè, è povero in canna. Meglio allora farla sposare con il vecchio, vecchissimo, e ricchissimo, decrepito Don Diego. Al povero Pepè non resta dunque che mettersi in coda e aspe...

Così è (se vi pare)

Così è (se vi pare) di

"Così è (se vi pare)" è una commedia in tre atti derivata dalla novella "La signora Frola ed il signor Ponza, suo genero". L'opera, come la novella originaria, è incentrata su uno dei temi più forti della visione pirandelliana del mondo: l'inconoscibilità del reale, a cui ognuno può dare una propria interpretazione ed una propria verità che possono non coincidere con quelle degli altri.Nota: gl...