Processo, prigionia e morte di Socrate (eNewton Classici)

Compra su Amazon

Processo, prigionia e morte di Socrate (eNewton Classici)
Autore
Platone
Editore
Newton Compton Editori
Pubblicazione
10 gennaio 2012
Categorie
Eutifrone • Apologia di Socrate • Critone • Fedone

Con un saggio di Luciano Canfora • A cura di Enrico V. Maltese
Premesse, traduzione e note di Gino Giardini
Edizione integrale

Atene, 399 a.C.: Socrate, accusato di corrompere i giovani e di introdurre la credenza in nuovi dèi, viene processato pubblicamente. Platone, giovane aristocratico suo discepolo, è presente a quel processo e da zelante cronista ce ne offre un attento resoconto in quattro dialoghi. Il primo, Eutifrone, descrive il momento in cui Socrate si reca in tribunale. L’Apologia di Socrate è la difesa appassionata da lui stesso pronunciata e rappresenta il contributo più importante e rigoroso alla comprensione della personalità e alla trasmissione del pensiero del filosofo. Condannato a morte, Socrate non smetterà di professare la sua dottrina nel carcere di Atene, dove amici e discepoli continuano a seguirlo, come racconta Platone nel Critone. Il Fedone ci riporta l’ultima delle dissertazioni di un uomo che nel dialogo ha cercato la verità anche pochi istanti prima di trovare la morte bevendo la cicuta. «E questa», dice Fedone, «fu la fine del nostro amico, uomo, possiamo ben dirlo, fra tutti quelli che abbiamo conosciuto, il migliore, anzi, senza confronto il più saggio e il più giusto».

«Ma, cittadini, non è questa la difficoltà, sfuggire alla morte, ma è molto più difficile evitare la malvagità: essa corre, infatti, più velocemente della morte. Ora io, che sono tardo e vecchio, sono colto da quella che è più tarda; i miei accusatori, invece, che sono vigorosi e lesti, sono stati colti da quella che è più veloce: la malvagità.»

Platone

è l’unico pensatore antico di cui siano rimaste tutte le opere integrali. Nacque ad Atene nel 427 a.C.; fu iniziato alla filosofia dall’eracliteo Cratilo, ma l’incontro con Socrate (408) rimane l’episodio più significativo per la sua maturazione intellettuale. Dopo la morte del maestro fu a Megara e poi in Italia meridionale. Tornò quindi ad Atene, fondando nel 387 l’Accademia, prima scuola filosofica dell’antichità. Morì nel 347 a.C. Di Platone la Newton Compton ha pubblicato Repubblica e il volume unico Tutte le opere.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Platone

Simposio - Apologia di Socrate (Ennesima)

Simposio - Apologia di Socrate (Ennesima) di

Nelle due opere Socrate è chiamato a recitare in due scenari completamente diversi: da un lato l'atmosfera ilare e festosa di un simposio, dall'altro l'aria greve e fitta di tensioni di un'aula del tribunale. Circostanze tanto differenti fra loro, in cui Socrate si mantiene fedele a se stesso; ed è proprio la sua figura ad unire due occasioni così distanti.

Dialoghi politici/Lettere (Classici della religione)

Dialoghi politici/Lettere (Classici della religione) di

La filosofia di Platone (428 o 427 a.C. – 348 o 347 a.C.) ha rappresentato il punto di riferimento di una lunghissima tradizione, costituendo le basi del pensiero occidentale. La parte più importante della sua opera è costituita dai dialoghi, che hanno dato molto da fare alla critica moderna, per quanto riguarda l'ordinamento cronologico e l'esclusione dei dialoghi non autentici. Oggi Utet ripr...

Dialoghi filosofici (Classici della religione)

Dialoghi filosofici (Classici della religione) di

La filosofia di Platone (428 o 427 a.C. – 348 o 347 a.C.) ha rappresentato il punto di riferimento di una lunghissima tradizione, costituendo le basi del pensiero occidentale. La parte più importante della sua opera è costituita da dialoghi, che hanno dato molto da fare alla critica moderna, per quanto riguarda l'ordinamento cronologico e l'esclusione dei testi non autentici. Oggi Utet ripropon...

Dialoghi spuri (Classici della religione)

Dialoghi spuri (Classici della religione) di

La filosofia di Platone (428 o 427 a.C. – 348 o 347 a.C.) ha rappresentato il punto di riferimento di una lunghissima tradizione, costituendo le basi del pensiero occidentale. La parte più importante della sua opera è costituita dai dialoghi, che hanno dato molto da fare alla critica moderna, per quanto riguarda l'ordinamento cronologico e l'esclusione dei testi non autentici. Oggi Utet ripropo...

Politico

Politico di

SOCRATE: Ti devo molta riconoscenza, Teodoro, per avermi fatto conoscereTeeteto e nello stesso tempo anche lo straniero. (1)TEODORO: Presto, Socrate, mi ringrazierai tre volte tanto, non appena essiti avranno tratteggiato sia la figura del politico, sia quella del filosofo.SOCRATE: Bene. In questo modo, caro Teodoro, diremo di aver ascoltato ci•dalla persona pi— capace per quanto riguarda i cal...

Sofista

Sofista di

TEODORO: Secondo l'accordo di ieri,(1) o Socrate, veniamodirettamente belli e presenti e portiamo con noi questo forestiero,di stirpe di Elea, compagno di quelli del seguito di Parmenidee di Zenone, uomo versato particolarmente in filosofia.SOCRATE: Forse, senza che tu te ne sia accorto, non un ospite tuporti, ma un dio, secondo il detto di Omero, il quale dice che congli altri dèi quanti assie...