La corsia n° 6

Compra su Amazon

La corsia n° 6
Autore
Anton Cechov
Editore
Karta Edizioni
Pubblicazione
05/12/2011
Categorie
Andrej Efimjc è il medico di uno squallido ospedale di provincia, dove i malati sono trattati come bestie. Nella corsia n° 6 sono ricoverati cinque matti, e, in particolare, Ivan Dmitric, un filosofo afflitto da mania di persecuzione, che crede nell'immortalità. Andrej Efimjc viene assalito da una profonda crisi spirituale e prende a frequentare sempre più assiduamente il malato della corsia n° 6: ossessionato dal pensiero della morte e da un crescente nichilismo, il dottore si prende, invano, una lunga vacanza, perché il viaggio non fa che acuire il senso di inutilità; al ritorno lo ricoverano in ospedale, nella corsia n° 6, a soffrire nelle condizioni inumane in cui devono vivere i suoi ex pazienti. Incapace di resistere alle regole che lui stesso aveva contribuito a mantenere, si rivolta e viene picchiato dai suoi ex assistenti. Muore il giorno dopo. Polemica sociale ed allegoria sulla vita e sulla morte.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Anton Cechov

Il giardino dei ciliegi (L'amareneto): versione filologica a cura di Bruno Osimo (traduzioni di Bruno Osimo Vol. 4)

Il giardino dei ciliegi (L'amareneto): versione filologica a cura di Bruno Osimo (traduzioni di Bruno Osimo Vol. 4) di

PostfazioneHo pensato di tradurre Il giardino dei ciliegi quando mi sono accorto che gli alberi in questione non sono ciliegi, ma amareni. Il dramma ruota intorno all'impoverimento della famiglia dovuto proprio al fatto che le amarene non sono trasportabili (e quindi commerciabili) a meno di sottoporle prima a procedimenti di conservazione (marinatura). Sono proprio i procedimenti che non sono ...

Il monaco nero

Il monaco nero di

La leggenda narra di un monaco vestito di nero che venne visto camminare nel deserto e, nello stesso momento, sulle acque di un lago. E poi in Africa, in Spagna, in India. Si dice che ogni mille anni il monaco torni ad apparire. Il professor Kovrin, stimato psicologo, sa bene che i mille anni stanno per trascorrere e a breve il monaco tornerà. Quello che non si aspetta è che compaia proprio dav...

Casa con mezzanino (racconto di un pittore): versione filologica a cura di Bruno Osimo (Opere di Cechov Vol. 5)

Casa con mezzanino (racconto di un pittore): versione filologica a cura di Bruno Osimo (Opere di Cechov Vol. 5) di

Fu sei-sette anni fa, vivevo in un distretto del governatorato di T., nella tenuta del possidente Belokùrov, un giovane che si alzava molto presto, portava la poddëvka, la sera beveva birra e continuava a lamentarsi con me di non riuscire a trovare comprensione da nessuna parte in nessuno. Lui viveva nella dépendance in giardino, e io nella vecchia casa padronale, nell'enorme sala con colonne, ...

Racconto della signora X: versione filologica a cura di Bruno Osimo (Opere di Cechov Vol. 9)

Racconto della signora X: versione filologica a cura di Bruno Osimo (Opere di Cechov Vol. 9) di

Nove o dieci anni fa, durante la fienagione, accadde che una volta poco prima di sera, io e Pëtr Sergeič, che ricopriva la carica di giudice istruttore, andammo a cavallo alla stazione per la posta.Il tempo era meraviglioso, ma sulla via del ritorno si sentirono rombi di tuono e vedemmo una nuvola nera alquanto stizzita puntare dritto verso di noi. La nuvola si avvicinava a noi e noi a lei.Sul ...

Il giardino dei ciliegi

Il giardino dei ciliegi di

“Perché io sono nata qui, qui sono vissuti mio padre e mia madre,mio nonno, io amo questa casa, senza il giardino dei ciliegi, noncapisco più alcunché della mia vita e, se proprio è necessario venderlo,allora vendete anche me insieme ad esso”.Nel contesto che precede la Prima Rivoluzione russa del 1905,quando l’aristocrazia si appresta alla fuga, cedendo il passo aintraprendenti esponenti della...

L’isola di Sachalin (dagli appunti di viaggio): versione filologica a cura di Bruno Osimo (Opere di Cechov Vol. 1)

L’isola di Sachalin (dagli appunti di viaggio): versione filologica a cura di Bruno Osimo (Opere di Cechov Vol. 1) di

“Il 5 luglio 1890 sono arrivato in piroscafo alla città di Nikolàevsk, una delle estremità orientali della nostra patria. L’Amùr qui è molto largo, al mare restavano soltanto 27 verste1; il posto è maestoso e bello, ma i ricordi del passato di questa regione, quello che i compagni di viaggio dicono sul duro inverno e sulle non meno dure usanze locali, la vicinanza dei lavori forzati e l’aspetto...