La lettera scarlatta (eNewton Classici)

Introduzione di Tommaso Pisanti
Traduzione di Fausto Maria Martini
Edizione integrale

La giovane Ester Prynne, condannata per adulterio nella puritana Boston, sarà costretta a portare per sempre sul seno una fiammeggiante, scarlatta, lettera «A» (A come adulterio? Come Arte? Come America?), da lei stessa ricamata. Ester non ha mai voluto rivelare il nome del suo “complice” che infine – lacerato tra ansia di schiettezza e orgoglio, e perseguitato dal marito della giovane – cederà, confessando la sua colpa. La lettera scarlatta, libro che rese celebre il nome di Nathaniel Hawthorne, è un mirabile esempio di fusione perfettamente riuscita tra sviluppo tematico-narrativo, delineazione dei personaggi e procedimenti linguistico-stilistici. Hawthorne fa di Ester un personaggio esemplare: mostrando, da un lato, una compartecipazione profonda, ma soffermandosi, dall’altro, in un pensoso e drammatico indugio di fronte alla sua “colpa”, pur condannando l’implacabilità puritana e la violenza moralistico-sociale di cui è vittima.

«Orbene questo straccio scarlatto ché tale ormai era ridotto dal tempo e dall’uso, esaminato con cura, presentava l’aspetto di una lettera.»



Nathaniel Hawthorne

nacque a Salem, nel Massachusetts, nel 1804. Rimasto presto orfano di padre, crebbe nella famiglia della madre. Di carattere schivo e introverso, cominciò giovanissimo a scrivere racconti sulla Nuova Inghilterra puritana. A La lettera scarlatta, il suo capolavoro, seguirono La casa dei sette abbaini, Il romanzo di Valgioiosa, Il fauno di marmo. Morì nel 1864.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Nathaniel Hawthorne

Miti e leggende dell'antica Grecia: Con illustrazioni originali di Walter Crane

Miti e leggende dell'antica Grecia: Con illustrazioni originali di Walter Crane di

Hawthorne scrisse due libri, “Il libro delle meraviglie” e “Il mondo delle meraviglie”, indirizzati a ragazzi in età scolare, in cui raccontava con linguaggio semplice e moderno i miti greci più famosi. I racconti sono anche molto piacevoli per adulti. I miti qui narrati sono: medusa, re Mida, Pandora, Ercole, Filemone e Bauci, Pegaso, il Minotauro, il ratto di Europa con Cadmo e Armonia, Ante...

L'olocausto della Terra

L'olocausto della Terra di

“Una volta - se nel passato o nel futuro è questione che importa poco o nulla - questo mondo tanto vasto aveva accumulato così tante logore cianfrusaglie, che gli abitanti decisero di liberarsene con un falò universale.” E cosa sono queste cianfrusaglie se non tutti gli orpelli che l'umanità per tanti secoli si è portata dietro? Dalle spesse carte della burocrazia al legno ardente dei patiboli,...

La figlia di Rappaccini

La figlia di Rappaccini di

Il giovane Giovanni raggiunge Padova per gli studi universitari ma, non appena si affaccia alla finestra della pensione in cui ha preso residenza, ogni pensiero accademico scompare. Tra i fiori di un bizzarro giardino vi è difatti una splendida rosa: il suo nome è Beatrice, esile e bellissima figlia dell'inquietante dottor Rappaccini. Lei, che rifiuta tutti gli ammiratori, sembra più che favore...

Vecchie nuove

Vecchie nuove di

“Ecco qui un volume di quel che una volta erano giornali: ognuno su una piccola mezza-pagina, gialla e macchiata dal tempo, di rozza fattura e stampato con vecchi caratteri grossolani. Il loro aspetto conferisce un'impressione di antichità a un tipo di letteratura che siamo abituati a considerare esclusivamente legato al presente. Effimeri come sono ritenuti e destinati a essere, hanno resistit...

La sepoltura di Roger Malvin

La sepoltura di Roger Malvin di

“Uno dei rari episodi delle guerre indiane che si presta naturalmente al filtro del chiar di luna del romanzo, fu la spedizione del 1725 in difesa delle frontiere, che si concluse nella memorabile ‘Battaglia di Lovell’.” E l'autore trova, a pochi giorni dalla fine di quella battaglia, due soldati stremati dalle ferite: uno anziano, ormai sull'orlo della morte e uno giovane, gravemente ferito ma...

L'artista del Bello

L'artista del Bello di

“Fin dal tempo in cui le sue dita delicate furono in grado di usare un temperino, Owen era stato notato per la sua raffinata creatività che, a volte, produceva delle belle figurine di legno, soprattutto di fiori e di uccelli, e a volte sembrava concentrarsi sui misteri nascosti di oggetti meccanici. Ma era sempre a scopo di realizzare qualcosa di grazioso e mai con l'intento di fare qualcosa di...