Elias Portolu

Compra su Amazon

Elias Portolu
Autore
Grazia Deledda
Editore
Scrivere
Pubblicazione
5 giugno 2011
Categorie
"Elias Portolu" si evolve intorno alla figura di Elias, secondo dei tre fratelli Portolu, di Nuoro. Tornato da un periodo di reclusione in un penitenziario "del continente", il giovane Elias, maturato spiritualmente e intellettualmente, è pervaso dal desiderio di iniziare una vita nuova, lontana dalla spensieratezza del passato e della sua infanzia, lavorando nell'ovile della famiglia. Ma il gioco di sguardi con la futura cognata Maddalena, fidanzata del fratello Pietro, si rivelerà origine di un amore fatto inizialmente di complicità e desideri, che sfociano poi in una relazione adulterina.
Prete Porcheddu, sacerdote ilare ma fermamente convinto nella morale cristiana, lo induce a diventare prete, e zio Martinu Monne, vecchio pastore dal passato misterioso la cui unica ragione è quella della vita, nella sua irrazionale passionalità, lo esorta a proseguire la relazione amorosa, accettandola come inevitabilità alla quale non ci si può opporre. La scena cambia quando Maddalena resta incinta; padre di un figlio che non potrà avere, per evitare uno scandalo, Elias assume la ferma decisione di prendere i voti. In questa tensione morale si verifica un'ulteriore tragedia: Pietro muore per un'infiammazione ai reni. Quando il bambino nasce, viene riconosciuto come figlio di Pietro, ormai defunto. Ma a questo punto Elias è sul punto di ricevere gli ordini. Tre giorni prima della cerimonia, Maddalena chiama a sè Elias e lo prega di sposarla dichiarandosi padre del Bambino.

Maria Grazia Cosima Deledda è nata a Nuoro, penultima di sei figli, in una famiglia benestante, il 27 settembre 1871. E’ stata la seconda donna a vincere il Premio Nobel per la letteratura, nel 1926. Morirà a Roma, all'età di 64 anni, il 15 agosto 1936.
La narrativa della Deledda si basa su forti vicende d'amore, di dolore e di morte sulle quali aleggia il senso del peccato, della colpa, e la coscienza di una inevitabile fatalità. È stata ipotizzata una somiglianza con il verismo di Giovanni Verga ma, a volte, anche con il decadentismo di Gabriele D'Annunzio, oltre alla scrittura di Lev Nikolaevic Tolstoj e di Honoré de Balzac di cui tra l'altro la Deledda tradusse in italiano l'Eugenia Grandet. Tuttavia la Deledda esprime una scrittura personale che affonda le sue radici nella conoscenza della cultura e della tradizione sarda, in particolare della Barbagia.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Grazia Deledda

Le colpe altrui: Romanzo

Le colpe altrui: Romanzo di

[...] ricordarmi i peccati principali, dite voi? E chi se li ricorda? Tutti, li ho commessi, grandi e piccoli; li sento qui, sulla testa, pesanti come pietre. Ma dell'esistenza di Dio non ho mai dubitato, che egli mi castighi se mentisco, che egli mi castighi nell'altra vita come mi ha castigato in questa... Dopo che egli ebbe confessate tutte le mancanze contro i Comandamenti, il frate disse s...

Marianna Sirca (nuovi E classici)

Marianna Sirca (nuovi E classici) di

Marianna è stata posta al servizio del vecchio zio ricco dal padre ambizioso. Ha sacrificato la propria giovinezza accudendo l'infermo, senza protestare. Ora però che lo zio è morto, lasciandola erede universale delle sue sostanze, vorrebbe cominciare a vivere. È durante un periodo di riposo presso la sua fattoria in montagna che conosce Simone, il giovane bandito dagli occhi tenebrosi di cui s...

Deledda. Racconti sardi (LeggereGiovane)

Deledda. Racconti sardi (LeggereGiovane) di

I suoi numerosissimi scritti, ispirati alla vita agro-pastorale della Barbagia le diedero larga fama in Italia e all’estero. Fu in corrispondenza con i maggiori scrittori dell’epoca. Ottenne nel 1926 il premio Nobel per la letteratura. I suoi romanzi, tradotti in moltissime lingue, l’hanno fatta considerare la maggiore espressione della letteratura sarda del 1900.

Nel deserto

Nel deserto di

Un palmizio le cui foglie sembravano lame di spade arrugginite dal vento marino, sorgeva tra l'ultima casetta del villaggio e la landa che finiva col mare.Il villaggio pareva disabitato, e ad accrescere quest'impressione non mancavano qua e là alcune rovine coperte di musco giallastro e popolato di lucertole. Anche i muri della casetta del palmizio e quelli del cortile che la fiancheggiava, si ...

Nell'azzurro

Nell'azzurro di

Vi parrà un romanzo, o mia bionda e piccola lettrice, ma è una storia vera: tanto vera che io, per narrarvela, cambio i nomi delle persone e dei luoghi alle quali e nei quali accadde.Figuriamoci in Sardegna, nella mia verde e sconosciuta Sardegna, e cominciamo.

La fuga in Egitto

La fuga in Egitto di

Dopo quaranta anni d'insegnamento nelle scuole elementari, il maestro Giuseppe De Nicola era andato a riposo e si disponeva a fare un viaggio.L'antefatto è questo: in gioventù egli aveva adottato un ragazzo orfano, con la speranza di farne il suo successore nella scuola del paesetto natìo. Il ragazzo però preferiva la vita avventurosa: così gli era scappato di casa, e dopo tentati tutti i mesti...