L'edera

Compra su Amazon

L'edera
Autore
Grazia Deledda
Editore
Scrivere
Pubblicazione
28 maggio 2011
Categorie
La vicenda del romanzo si svolge in un paese della Sardegna all’inizio del XX secolo. Lo sfondo della narrazione è il decadimento tanto della nobiltà sarda quanto quello economico del posto. In primo piano viene descritta la drammatica situazione economica di una famiglia aristocratica di campagna, i Decherchi. La famiglia, in origine ricca, possiede ancora alcuni poderi ma ha diversi debiti. Per sbarcare il lunario, i Decherchi sono costretti a tenere in casa ziu Zua, un lontano parente ricco, vecchio e malato. Quest'ultimo paga alla famiglia un contributo in cambio delle cure di cui ha bisogno. Ziu Zua si lamenta in continuazione di tutti membri della famiglia: le sue proteste prendono di mira soprattutto Annesa, la giovane protagonista del romanzo. È principalmente lei a prendersi cura del malato, che poco a poco diventa insopportabile. Ormai, in famiglia tutti sperano nella morte del vecchio. Nel corso del romanzo si delineano anche i contorni dell'amore tra Annesa e Paulu, uno dei componenti della famiglia Decherchi. Le loro vicende si intrecciano sullo sfondo di una situazione familiare assai complessa.
Maria Grazia Cosima Deledda è nata a Nuoro, penultima di sei figli, in una famiglia benestante, il 27 settembre 1871. E’ stata la seconda donna a vincere il Premio Nobel per la letteratura, nel 1926. Morirà a Roma, all'età di 64 anni, il 15 agosto 1936.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Grazia Deledda

Racconti Sardi

Racconti Sardi di

Nata a Nuoro il 27 settembre 1871 da Giovanni e Francesca Cambosu, e morta a Roma il 15 agosto 1936. Trascorse a Nuoro una giovinezza travagliata, durante la quale esordì con alcune novelle, apparse su modesti giornali e riviste. Nel 1900, dopo il suo matrimonio, si trasferì a Roma. I suoi numerosissimi scritti, ispirati alla vita agro-pastorale della Barbagia le diedero larga fama in Italia e ...

Fior di Sardegna

Fior di Sardegna di

Il primo romanzo di Grazia Deledda, premio Nobel per la Letteratura nel 1926. Siamo in Sardegna, nella parte montuosa della Sardegna, in una piccola città che ci contenteremo di chiamare solo X***, benchè nella carta sia segnata con un nome assai sonoro e lungo. X*** possiede la sua brava passeggiata, le sue piazze, esenti ancora di fontane di marmo, e di statue, i suoi caffè splendidissimi, il...

Il dono di Natale

Il dono di Natale di

Novelle di Grazia Deledda:- Il dono di Natale- Comincia a nevicare- Forse era meglio...- L’anellino d’argento- La casa della Luna- Il pane- Il cestino dello zibibbo- Il voto- Mirella- Il pastorello- La storia della Checca- Il mio padrino- I ladri- Chi la fa l’aspetti- La fanciulla di Ottàna- Il vecchio Moisè- La sciabicaMaria Grazia Cosima Deledda è nata a Nuoro, penultima di sei figli, in una ...

Colombi e sparvieri (Tascabili. Narrativa)

Colombi e sparvieri (Tascabili. Narrativa) di

«Dopo una settimana di vento furioso, di nevischio e di pioggia, le cime dei monti apparvero bianche tra il nero delle nuvole che si abbassavano e sparivano all'orizzonte, e il villaggio di Oronou con le sue casette rossastre fabbricate sul cocuzzolo grigio di una vetta di granito, con le sue straducole ripide e rocciose, parve emergere dalla nebbia come scampato dal diluvio. Ai suoi piedi i to...

Sino al confine (Tascabili. Narrativa)

Sino al confine (Tascabili. Narrativa) di

"Nel luglio del 1890 Gavina Sulis finì i suoi studi. Suo padre, ex-impresario di strade comunali, uomo abbastanza intelligente, le aveva fatto ripetere la quarta classe elementare, perché nella piccola città non v'erano altre scuole femminili. Il giorno degli esami ella se ne tornava a casa pensando che ormai erano finiti per lei i giorni di libertà e d'ozio. Aveva quasi quattordici anni; si ...

L'ombra del passato (Tascabili. Narrativa)

L'ombra del passato (Tascabili. Narrativa) di

Il cordaio fu il primo ad attaccare le sue più belle corde, dal portone al palo che indicava il limite fra la sua aja e quella di Giovanni La Pioppa. Era la mattina del Corpus domini. La processione, per eseguire la giravolta, doveva entrare nell'aja del cordaio, attraversare quella di Giovanni, uscire per il portone del zolfanellajo, la cui umile casetta era l'ultima del paese.