I Viceré (eNewton Classici)

A cura di Sergio Campailla
Edizione integrale

Con I Viceré De Roberto raggiunge la pienezza e la forza espressiva del capolavoro. In questo romanzo storico, paragonabile per impianto e grandezza a I Buddenbrook di Thomas Mann, l’autore crea un equilibrio perfetto fra la rappresentazione del «decadimento fisico e morale d’una stirpe esausta» e le vicende dell’unificazione italiana. Il libro racconta la saga di una grande famiglia aristocratica siciliana di ascendenza spagnola, gli Uzeda. A partire dalla fatidica morte della capostipite, le vicende familiari si dipanano sullo sfondo di una Sicilia feudale e borbonica; e d’altra parte, la storia della Sicilia e dell’Italia entra, a poco a poco ma inarrestabile, nel recinto familiare. I Viceré si conferma come il massimo romanzo di De Roberto e uno dei vertici dell’intera narrativa italiana.

«Giuseppe, dinanzi al portone, trastullava il suo bambino, cullandolo sulle braccia, mostrandogli lo scudo marmoreo infisso al sommo dell’arco, la rastrelliera inchiodata sul muro del vestibolo dove, ai tempi antichi, i lanzi del principe appendevano le alabarde, quando s’udì e crebbe rapidamente il rumore d’una carrozza arrivante a tutta carriera […].»


Federico De Roberto

(Napoli 1861-Catania 1927) maturò le proprie scelte letterarie nella cerchia di Giovanni Verga. Dopo un’intensa attività giornalistica, letteraria e saggistica si ritirò a vivere a Catania. Accanto a romanzi come L’Illusione (1891) e L’Imperio (1929, postumo), tra le sue numerose prove narrative si ricordano La Sorte (1887), Documenti umani (1889) e Processi verbali (1890).

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Federico De Roberto

La Sorte

La Sorte di

La sorte è, cronologicamente, la prima raccolta di racconti di Federico De Roberto. In questi racconti è abbastanza evidente l'imitazione dei racconti di Giovanni Verga, in particolare di Vagabondaggio e delle Novelle rusticane. In alcuni racconti, tuttavia, si ritrovano alcuni temi presenti nelle opere posteriori; invece dei "poveri diavoli" di Verga e delle macchiette paesane di Luigi Capuana...

La morte dell'amore di Federico De Roberto

La morte dell'amore di Federico De Roberto di

La morte dell'amore di Federico De Roberto

I Viceré di Federico De Roberto

I Viceré di Federico De Roberto di

I Viceré di Federico De Roberto

Il colore del tempo di Federico De Roberto

Il colore del tempo di Federico De Roberto di

Il colore del tempo di Federico De Roberto

La messa di nozze di Federico De Roberto

La messa di nozze di Federico De Roberto di

La messa di nozze di Federico De Roberto

L'Illusione di Federico De Roberto

L'Illusione di Federico De Roberto di

L'Illusione di Federico De Roberto