Le mie prigioni: 21 (Classici)

Il patriota e scrittore Silvio Pellico fu arrestato nel 1820, processato e condannato a quindici anni, nel 1830 venne graziato e subito dopo scrisse Le mie prigioni, libro di memorie in cui ricorda la propria vita in carcere. Il suo intento non era quello di scrivere un’opera di propaganda politica ma religiosa e spirituale, difatti ne risulta un lavoro ricco di vivaci spunti narrativi, di analisi e ritratti gentili nonché di riflessioni interiori che si concludono con l’elogio del perdono cristiano.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Silvio Pellico

Silvio Pellico - Le mie prigioni (RLI CLASSICI)

Silvio Pellico - Le mie prigioni (RLI CLASSICI) di

Scarica un estratto GRATIS e inizia a leggere subito! Questo ebook ha: INDICE LINKATO. “Le mie prigioni” è un documento. Silvio Pellico arrestato dall’impero austriaco per associazione alla carboneria e condannato alla reclusione nel carcere di Brno, scontò la pena dal 1820 al 1830. La forza con cui l’autore ha saputo rendere le condizioni fisiche mentali sentimentali ed emotive nonché gli avv...

Le mie prigioni - Arcadia ebook

Le mie prigioni - Arcadia ebook di

"Le mie prigioni" è un libro di memorie che descrive il periodo di detenzione dell'autore prima ai Piombi di Venezia e successivamente nella fortezza dello Spielberg presso Brno, periodo che va dal 13 ottobre 1820 al 17 settembre 1830. L'opera ebbe un grande consenso presso i contemporanei dello scrittore tanto che divenne il libro italiano più famoso nell'Europa dell'Ottocento.

Opere di Silvio Pellico

Opere di Silvio Pellico di

6 opere di Silvio Pellico Scrittore, poeta e patriota italiano (1789-1854) Questo libro elettronico presenta una collezione di 6 opere di Silvio Pellico. Indice interattivo: Le mie prigioni Poesie inedite - Volume I Poesie inedite - Volume II Poesie scelte Rafaella Tommaso Moro

Opere scelte (Classici della religione)

Opere scelte (Classici della religione) di

Silvio Pellico, piemontese d'origine, ha vissuto a cavallo fra il XVIII e il XIX secolo e si è distinto come scrittore, poeta e patriota italiano. Molta della sua fama è legata all'opera scritta durante i duri anni di carcere, Le mie prigioni. Ma Pellico è stato anche un apprezzato tragediografo, ha scritto un'opera morale, I doveri degli uomini del 1834, e diverse poesie di stampo romantico. U...

Rafaella

Rafaella di

Nell'anno 1160 vivea in Saluzzo un arimanno[1] per nome Berardo della Quercia, il quale godea da lungo tempo tal grazia del suo signore, Marchese Manfredo, che sarebbe quasi potuta dirsi amicizia. Berardo, sfuggendo gli onori della corte e stando ordinariamente nei suoi campi, venia visitato dal Marchese e consultato sopra molti capi del suo governo: tanto era noto il retto animo ed il senno di...

Poesie Inedite

Poesie Inedite di

Poesie Inedite di Silvio Pellico