La vita di Lazarillo de Tormes (I grandi romanzi)

Compra su Amazon

La vita di Lazarillo de Tormes (I grandi romanzi)
Autore
Anonimo
Editore
BUR
Pubblicazione
23/12/2010
Categorie
Quando apparve nel 1554, il Lazarillo de Tormes ebbe un enorme successo. Il romanzo offriva un’immagine inedita e veritiera della realtà spagnola, segnata da una crisi incipiente di impoverimento e di degrado. Il protagonista – un ragazzo di strada, costretto a vivere di espedienti sotto miserabili padroni – trova sul suo cammino una folla di diseredati, vagabondi, bricconi, mendicanti, avventurieri, per i quali la vita non è che quotidiana, rabbiosa difesa della sopravvivenza. Sullo sfondo, i paesaggi assolati della Spagna cinquecentesca, le strade sassose, i borghi, le chiese, le locande, gli interni oscuri coi loro poveri arredi e gli oggetti consunti. Lazarillo, piccolo Ulisse cencioso e scaltro, precocemente maturato, conosce la fame, il freddo, i maltrattamenti, la meschinità dei padroni, e infine approda a una modesta tranquillità materiale, conquistata a prezzo dell’onore. Scritto in uno stile rapido e colorito, il romanzo si impone come autentica novità, e segna l’avvio di quella letteratura picaresca destinata a costituire uno dei tratti distintivi della letteratura spagnola.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Anonimo

6 Milionaria (sei milionaria): La vera storia di una vincita al SuperEnalotto

6 Milionaria (sei milionaria): La vera storia di una vincita al SuperEnalotto di

Dopo un'infanzia povera ma serena vissuta in campagna, Maria affronta una vita di duro lavoro. Un matrimonio fin troppo normale, la nascita di una figlia, il mutuo da pagare, la morte del marito e infine la tanto sospirata pensione. Sarebbe giunto il momento di tirare il fiato, ma alcune circostanze la costringono a tirare la cinghia: deve continuare a fare economia e stare attenta al centesimo...

Lazarillo de Tormes

Lazarillo de Tormes di

Nella Spagna del '500, il giovane Lazarillo, prototipo del protagonista del romanzo picaresco, racconta il suo vagabondaggio attraverso il paese, misero e fatiscente, le avventurose peripezie e gli impieghi temporanei che non riescono a cacciare il fantasma della povertà. Una narrazione mobile e affascinante che inaugura un filone di grande successo anche nei secoli successivi.

Il brigante Musolino

Il brigante Musolino di

Giuseppe Musolino, conosciuto come U 're i l'Asprumunti (il Re dell'Aspromonte), o meglio ancora come il Brigante Musolino (Santo Stefano in Aspromonte, 24 settembre 1876 – Reggio Calabria, 22 gennaio 1956), è stato un brigante italiano. Nel libro pubblicato da un anonimo agli inizi del secolo scorso, con il titolo originale "Vita, delitti, arresto e condanna del famigerato brigante Giuseppe Mu...

Lazarillo de Tormes

Lazarillo de Tormes di

Romanzo spagnolo di autore ignoto, che ha inaugurato il genere della letteratura picaresca, venne edito a Burgos nel 1554 e proibito dall'Inquisizione nel 1559. Di ambientazione popolare, ma che rivela la mano di uno scrittore colto, il Lazarillo è la storia di un giovane accattone sempre affamato che si gnadagna da vivere con mille astuzie. Scritto quasi cinquecento anni fa, è di un'attualità ...

I fioretti di San Francesco

I fioretti di San Francesco di

I fioretti di San Francesco sono un florilegio sulla vita di san Francesco d'Assisi e dei suoi discepoli di cui è dubbia l'attribuzione al frate Giovanni dei Marignoli. Per molto tempo la critica ha creduto trattarsi della traduzione di un Floretum che era andato perduto, ma in seguito si è constatato che si trattava di una delle tradizioni del Trecento del testo latino di dubbia attribuzione d...

I Nibelunghi (Emozioni senza tempo)

I Nibelunghi (Emozioni senza tempo) di

I Nibelunghi sono una stirpe mitologica di nani che vivono sotto terra e che conosco i segreti della fusione del ferro. Derivanti dalla tradizione germanica, non sappiamo l'etimologia della loro nascita né chi abbia per primo trascritto le loro vicende. Probabilmente risalenti al quinto o al sesto secolo, il mito prese una forma più strutturata nel tredicesimo secolo con 'la Canzone dei Nibelun...