In clandestinità (I narratori)

“Un libro a 4 guantoni in forma di round. Un incontro senza filtro, la storia di un’amicizia corpo a corpo. Colpi di vita mandati al tappeto, in un concertato di poesia e prosa. Il cammino della clandestinità, il suo affrancamento, tra vittorie, sconfitte e rivincite nella quotidianità e sulla carta, per gettare finalmente la spugna all’angolo del quartiere.”

Vinicio Capossela e Vincenzo Costantino “Cinaski”. Due amici – Mr Pall e Mr Mall – complementari e indivisibili come la scritta sul pacchetto di sigarette, alle prese con l’epica della quotidianità. Ubriacature e abbandoni, solitudine e vagabondaggi notturni, scorribande negli ipermercati e vecchie auto scassate e, su tutto, l’amicizia che sempre salva e tiene a galla.
Attacca Vinicio, risponde “Cinaski”. Racconto contro racconto, poesia contro poesia, si squaderna tutto il mondo di Vinicio Capossela, un mondo che è insieme circo felliniano, panopticon, giostra di memoria, sarabanda di sentimenti.
Vinicio Capossela, Mr Mall
Gehrden, Germania, 1965, 78 kg, 152 canzoni, 1450 incontri disputati in pubblico, 49 capitolazioni letterarie, 10 titoli discografici, 4 abbandoni e mezzo prima del limite, 2 volte contato a terra, 3 risollevamenti dal tappeto, 5 sconfitte ai punti, da professionista.
Ancora vivo.
Vincenzo Costantino “Cinaski”, Mr Pall
Milano 1964, 104 kg, Campione di incasso, 1 pubblicazione – Chi è senza peccato non ha un cazzo da raccontare, 4 spettacoli teatrali, 5 anni di Caravanserraglio, 162 incontri pubblici, 20 clandestini, 8 anni di domiciliari, mai un ritiro, spesso al tappeto, scarsa preparazione atletica, 440 poesie, 1608 bar. Cinico e sensibile, guardia destra.
Ancora vivo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo