La strada (Supercoralli)

Compra su Amazon

La strada (Supercoralli)
Autore
Cormac McCarthy
Pubblicazione
07/10/2010
Valutazione
1
Un uomo e un bambino viaggiano attraverso le rovine di un mondo ridotto a cenere in direzione dell'oceano, dove forse i raggi raffreddati di un sole ormai livido cederanno un po' di tepore e qualche barlume di vita. Trascinano con sé sulla strada tutto ciò che nel nuovo equilibrio delle cose ha ancora valore: un carrello del supermercato con quel po' di cibo che riescono a rimediare, un telo di plastica per ripararsi dalla pioggia gelida e una pistola con cui difendersi dalle bande di predoni che battono le strade decisi a sopravvivere a ogni costo. E poi il bene più prezioso: se stessi e il loro reciproco amore. «Guardati intorno, - disse. - Non c'è profeta nella lunga storia della terra a cui questo momento non renda giustizia. Di qualunque forma abbiate parlato, avevate ragione». Che cosa resta quando non c'è più un dopo perché il dopo è già qui? Generazioni di scienziati, mistici e scrittori hanno offerto in risposta le loro visioni di luce e tenebra. Ci hanno prospettato inferni d'acqua e di fuoco e aldilà celesti, fini irrevocabili e nuove nascite, ci hanno variamente affascinato o repulso, rassicurato o atterrito. Nell'insuperabile creazione mccarthiana, la post-apocalisse ha il volto realistico di un padre e un figlio in viaggio su un groviglio di strade senza origine e senza meta, dentro una natura ridotta a involucro asciutto, fra le vestigia paurosamente riconoscibili di un mondo svuotato e inutile. Restano dunque, su questa strada, esseri umani condannati alla sopravvivenza, la loro quotidiana ordalia per soddisfare i bisogni insopprimibili e cancellare gli altri, la furia dell'umanità tradita e i residui, impagabili scampoli di piacere dell'essere vivi; restano i cristalli purissimi del sentimento che lega padre e figlio e delle relazioni che i due intessono fra loro e con gli altri, ridotte all'estrema essenza nella ferocia come nella tenerezza. E restano le parole, splendide, precise, molto più numerose ormai delle cose che servono a designare; la prodigiosa lingua di McCarthy elevata a canto funebre per «il sacro idioma, privato dei suoi referenti e quindi della sua realtà». Resta dell'altro, un residuo via via più cospicuo in mezzo al niente circostante: resta un bambino che porta il fuoco e un uomo che lo protegge dalle intemperie del mondo semimorto con implacabile amore, uomo e bambino tradotti in ogni Uomo e ogni Bambino, con responsabilità e ruoli che inglobano e trascendono quelli dei singoli individui. E resta, perciò, uno sguardo discreto in avanti e forse in alto, oltre a quello nostalgico voltato a rimirare il regno dell'uomo così come lo conosciamo. In questa risposta di McCarthy - epica, elegiaca, mitica, profetica, straziante, universale - resta perfino l'imprevedibile: un'affettuosa quotidianità che consola e scalda il cuore.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Il Consigliere Letterario

Perché noi portiamo il fuocoIl Consigliere Letterario

Che cosa resta all’uomo quando a morire è il mondo? Che cosa resta di un uomo, di tutti gli uomini, quando ogni altro esistere si è spento? Che cosa significa aprire gli occhi, respirare, lottare... Continua…

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di Cormac McCarthy

Blood Meridian: Picador Classic (English Edition)

Blood Meridian: Picador Classic (English Edition) di Cormac McCarthy Picador

With an introduction by Philipp Meyer The wrath of God lies sleeping. It was hid a million years before men were and only men have power to wake it. Hell aint half full. Set in the anarchic world opened up by America's westward expansion, Blood Meridian by Cormac McCarthy is an epic and potent account of the barbarous violence that man visits upon man. Through the hostile ...

Il guardiano del frutteto (Super ET)

Il guardiano del frutteto (Super ET) di Cormac McCarthy EINAUDI

Ambientato in una piccola, remota comunità del Tennessee rurale negli anni fra le due guerre mondiali, il primo romanzo di McCarthy racconta la storia del contrabbandiere di whisky Marion Sylder e del suo giovane amico John Wesley Rattner. E poi del vecchio Ather, che con la sua stoica indipendenza e la sua comunione con la natura rappresenta il simbolo di un'epoca ormai conclusa. Tutti e tre i...

The Border Trilogy (English Edition)

The Border Trilogy (English Edition) di Cormac McCarthy Picador

Cormac McCarthy’s award-winning, bestselling trio of novels chronicles the coming-of-age of two young men in the south west of America. John Grady Cole and Billy Parham, two cowboys of the old school, are poised on the edge of a world about to change forever. Their journeys across the border into Mexico, each an adventure fraught with fear and pain, mark a passage into adulthood, and eventual ...

The Counselor: Il procuratore (I coralli)

The Counselor: Il procuratore (I coralli) di Cormac McCarthy EINAUDI

Quale demone spinge il procuratore a puntare tutto su un traffico di droga da venti milioni di dollari? È l'avidità a fargli rischiare ciò che ha di piú caro - un rispettabile lavoro da avvocato, l'amore della donna dei suoi sogni, le leggi della coscienza? «L'avidità è decisamente sopravvalutata, - suggerisce il suo socio di malaffari, Reiner - la paura invece no». E nel cartello di Juárez, ...

Il buio fuori (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 634)

Il buio fuori (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 634) 2 di Cormac McCarthy EINAUDI

In una capanna al limitare del bosco, la giovane Rinthy dà alla luce un bambino. Il padre del bimbo e fratello di Rinthy, si libera del neonato abbandonandolo in riva al fiume. Certa che il figlio sia vivo, la donna parte alla sua ricerca per le strade di una terra desolata. Il padre, a sua volta, rincorre la sorella per le stesse strade, mosso da un'uguale certezza di ritrovarla. Al loro ...

Città della pianura (Einaudi tascabili. Scrittori)

Città della pianura (Einaudi tascabili. Scrittori) 1 di Cormac McCarthy EINAUDI

«Ogni tanto qualche scrittore riesce a cambiare le carte in tavola. A creare nuovi paesaggi. A scrivere libri che sono mondi radicalmente inediti, spalancando la geografia della scrittura: uno di questi è McCarthy». Alessandro Baricco