Poesie (Biblioteca Italiana Zanichelli)

Compra su Amazon

Poesie (Biblioteca Italiana Zanichelli)
Autore
Carlo Porta
Editore
Intangible Press
Pubblicazione
25 gennaio 2010
Categorie
Il milanese Carlo Porta (1775-1821) è una delle personalità più interessanti e originali della cultura letteraria italiana fra Sette e Ottocento. Restano di lui circa 200 componimenti in dialetto milanese. Vivente l'autore, ne furono pubblicati solo una cinquantina, nel 1817; Tommaso Grossi curò un'edizione postuma, più completa, nel 1821, da integrare con alcuni inediti usciti a Lugano nel 1826. Al culmine di una tradizione lombarda (Maggi, Balestrieri, Tanzi) che aveva usato il dialetto come strumento di una poesia moralmente e civilmente impegnata, Porta allarga i registri del “parlato” milanese, dando voce ai vari strati sociali, dal plebeo al borghese, all'aristocratico. La rappresentazione dolente degli “umiliati” del mondo popolare ha come controcanto la satira feroce delle caste clericali e nobiliari. Paragonabile in questo ai sonetti romaneschi del Belli, le poesie di Porta se ne differenziano per una salda fiducia negli ideali democratici del Risorgimento e del Romanticismo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Carlo Porta

Poesie (Classici della religione)

Poesie (Classici della religione) di

Carlo Porta (1775 – 1821) è considerato il maggior poeta dialettale milanese. La sua attività letteraria inizia nel 1812 con le Desgrazzi de Giovannin Bongee, e prosegue fino alla morte con una produzione costante e di altissima qualità, seguendo tre filoni tematici: la polemica contro le superstizioni e l'ipocrisia religiosa del tempo, la descrizione di vivissime figure di popolani milanesi, e...

Poesie di Carlo Porta

Poesie di Carlo Porta di

Poesie di Carlo Porta