Il ventaglio (Biblioteca Italiana Zanichelli)

Il ventaglio fu rappresentato nel maggio del 1763 a Parigi, alla Comédie italienne, ma non ebbe quel consenso che l'autore si aspettava. La commedia venne interamente riscritta l'anno seguente e fatta recapitare a Venezia al Vendramin per il teatro San Luca, dove fu recitata verso la fine del carnevale del 1765, questa volta con successo. Nel Ventaglio l'autore ritorna ai modi della commedia dell'arte, esssendo costretto ad accontentare il pubblico francese che accorreva alla Comédie italienne per veder recitare spettacoli di quel tipo. La commedia ha tuttavia una sua brillantezza grazie al ritmo dell'azione, all'intreccio originale e incalzante che ruota intorno al lieve motivo di un ventaglio femminile, dapprima rotto, poi smarrito, e alla cui ricerca partecipa un intero villaggio.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Carlo Goldoni

I rusteghi (Collezione di teatro Vol. 132)

I rusteghi (Collezione di teatro Vol. 132) di

Nella critica del costume borghese Goldoni scrive negli anni '60 le sue commedie più mature e audaci. I rusteghi aprono la serie: Goldoni entra in netta polemica con il conservatorismo ormai rozzo della classe cui appartiene e in cui ha per molto tempo ciecamente creduto. Il mercante lucido e avveduto, che per lunghi anni, nei panni di Pantalone, aveva impersonato il prototipo di un individuo s...

La famiglia dell'antiquario (Collezione di teatro Vol. 271)

La famiglia dell'antiquario (Collezione di teatro Vol. 271) di

La famiglia dell'antiquario (Venezia, teatro Sant'Angelo, carnevale 1750) è la prima commedia di Goldoni a trasmetterci il senso di una crisi imminente: una crisi delle strutture sociali e dei relativi modi di comportamento. E' una commedia attraversata da una serie di contrasti che, invece di comporsi in lieto fine, restano aperti, irrisolti. Da un lato, una nobiltà che ha già abdicato, che ri...

I due gemelli veneziani (Collezione di teatro Vol. 198)

I due gemelli veneziani (Collezione di teatro Vol. 198) di

I due gemelli veneziani è un'altra commedia sul doppio: lo è anzi in maniera canonica, giacché Goldoni è alle prese, sulle orme di una tradizione secolare, con due creature assolutamente identiche (due gemelli, appunto) che tenderebbero a fondersi in una sola, se non li distinguesse una radicale diversità di carattere. Ed è ancora una volta una commedia del doppio per quanto riguarda i modelli,...

La locandiera (Collezione di teatro Vol. 84)

La locandiera (Collezione di teatro Vol. 84) di

«Fra tutte le Commedie da me sinora composte, starei per dire esser questa la più morale, la più utile, la più istruttiva. Sembrerà ciò essere un paradosso a chi soltanto vorrà fermarsi a considerare il carattere della Locandiera, e dirà anzi non aver io dipinto altrove una donna più lusinghiera, più pericolosa di questa. Ma chi rifletterà al carattere e agli avvenimenti del Cavaliere, troverà ...

La bottega del caffè (Collezione di teatro Vol. 91)

La bottega del caffè (Collezione di teatro Vol. 91) di

Il 1750 è l'anno in cui Carlo Goldoni, in risposta alle accuse - e alle invidie - dei commediografi suoi contemporanei, si impegna a comporre ben 16 commedie nuove. E tra esse - parto di questo incredibile tour de force, di cui possiamo ricordare Il teatro comico, La Pamela, I pettegolezzi delle donne - esce La bottega del caffè. Commedia famosa, resa celebre da innumerevoli messe in scena, tra...

Il servitore di due padroni - La vedova scaltra

Il servitore di due padroni - La vedova scaltra di

Le indiavolate acrobazie di Truffaldino, che si ingegna, con esiti spassosi, a servire due padroni e le raffinate astuzie della bella Rosaura, capace di giostrarsi elegantemente in mezzo a quattro pretendenti. Due tappe fondamentali dell'arte di Goldoni che segnano il momento di trapasso dalla Commedia dell'arte a una forma di teatro più moderna.