La famiglia dell'antiquario (Biblioteca Italiana Zanichelli)

Recitata al teatro Sant'Angelo di Venezia nel 1750 con il sottotitolo La suocera e la nuora (la legittimità dei due titoli viene difesa dal Goldoni nella Prefazione), La famiglia dell'antiquario è ritenuta la prima commedia classica del Goldoni. L'azione principale si sviluppa intorno ai contrasti della contessa Isabella, moglie dell'antiquario Anselmo Terrazzani, di cui l'autore ci fornisce una caricatura irresistibile, e della nuora Doralice. La commedia, fondata sul contrasto tra nobiltà impoverita e borghesia danarosa, non ebbe una buona accoglienza. Curiosamente il testo ha incontrato maggiore fortuna nel teatro del Novecento.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Carlo Goldoni

Amor fa l'uomo cieco

Amor fa l'uomo cieco di

Amor fa l'uomo cieco

Amor Contadino

Amor Contadino di

Amor Contadino

La bottega del caffè (Teatro)

La bottega del caffè (Teatro) di

Nel Settecento compare un nuovo protagonista: è La bottega del caffè, punto d’incontro degli intellettuali dell’epoca ma anche sfondo di una vita quotidiana dai risvolti spesso oscuri. Goldoni è il primo a percepire la novità e a farne l’ambiente di una commedia corale. Attorno all’onesto caffettiere Ridolfo ruotano le vicende di personaggi dalla moralità spesso dubbia, dediti al gioco d’azzard...

Trilogia della villeggiatura (Teatro)

Trilogia della villeggiatura (Teatro) di

Col pretesto di porre in ridicolo la smania della villeggiatura dispendiosa, l’ambizione del ceto medio che vuol gareggiare con la ricca nobiltà, il grande affresco della Villeggiatura offre l’impietosa immagine di un mondo borghese dilaniato da egoismi e particolarismi, che nello sviluppo delle proprie contraddizioni ha smarrito la carica vitale e progressista di un tempo. Goldoni se ne distac...

Arlecchino servitore di due padroni (Teatro)

Arlecchino servitore di due padroni (Teatro) di

Scritta nel 1745, quando Goldoni sembrava aver ormai rinunciato alla commedia, Arlecchino servitore di due padroni e tra le sue opere più fortunate.Riprende infatti una nuova vita, nell'intreccio delle coppie di innamorati (Silvio e Clarice, Beatrice e Florindo), il mondo della commedia dell'arte, con le sue maschere e i suoi travestimenti, vicina al gusto popolare ma senza le volgarità che ne ...

Gli uccellatori di Carlo Goldoni

Gli uccellatori di Carlo Goldoni di

Gli uccellatori di Carlo Goldoni