La via del rifugio (Biblioteca Italiana Zanichelli)

Compra su Amazon

La via del rifugio (Biblioteca Italiana Zanichelli)
Autore
Guido Gozzano
Editore
Intangible Press
Pubblicazione
25 gennaio 2010
Categorie
Raccolta pubblicata a Torino nel 1907, La via del rifugio segnò l'esordio del giovane Gozzano. Opera intimamente disorganica, che denuncia tuttavia una notevole capacità di versificazione, costituisce un interessante esempio di lirica post-dannunziana, nella quale il pessimismo ironico e la coscienza critica dell'autore appaiono mezzi nuovi di analisi delle convenzioni borghesi. Componimenti come Le due strade o la più celebre Amica di nonna Speranza si caratterizzano per l'impiego del dialogo e il ricorso al parlato, che saranno caratteristici di tutta la poesia successiva di Gozzano.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Guido Gozzano

Opere di Guido Gozzano

Opere di Guido Gozzano di

2 opere di Guido Gozzano Poeta italiano (1883-1916) Questo libro elettronico presenta una collezione di 2 opere di Guido Gozzano. Indice interattivo: I colloqui La via del rifugio

Opere (Classici della religione)

Opere (Classici della religione) di

Il poeta crepuscolare, cantore delle piccole e buone cose di pessimo gusto, nasce a Torino, nel 1883, e vi muore solo 32 anni dopo per tubercolosi. Celebri le sue raccolte poetiche e i racconti epistolari che sono raccolte in questa prestigiosa edizione digitale, corredate da un robusto e autorevole apparato critico.

L'altare del passato di Guido Gozzano

L'altare del passato di Guido Gozzano di

L'altare del passato di Guido Gozzano

Tutte le poesie di Guido Gozzano

Tutte le poesie di Guido Gozzano di

Tutte le poesie di Guido Gozzano

L'ultima traccia

L'ultima traccia di

Le novelle di questo volume sono state inizialmente pubblicate su vari giornali e riviste e ripubblicate postume nel 1919 nella raccolta "L'ultima traccia".

Verso la cuna del mondo: lettere dall'India

Verso la cuna del mondo: lettere dall'India di

«L’Oriente è pieno di città che furono. Ma risalgono a millenni, nella notte delle origini buddiche e bramine, ce le fa indifferenti l’abisso del tempo, della razza, della fede. La nostra malinconia ritrova invece a Goa lo spettro di cose nostre: conventi, palazzi, chiese del Cinquecento e del Seicento: una vasta città che ricorda a volte una via di Roma barocca o una piazza dell’Umbria...»Quan...