Le baruffe chiozzotte (Biblioteca Italiana Zanichelli)

Scritte di getto nel gennaio del 1762 dopo il Todero, Le baruffe chiozzotte, in dialetto veneziano, furono recitate durante il carnevale per sette sere, ma senza suscitare particolare entusiasmo. Con Le baruffe il Goldoni ritorna al mondo popolare dei pescatori che aveva conosciuto nella sua giovinezza e che aveva già rappresentato in altre commedie, come i Pettegolezzi, le Massere e il Campiello. La commedia fu particolarmente apprezzata da Goethe.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Carlo Goldoni

IL BUGIARDO (TEATRO ITALIANO Vol. 10)

IL BUGIARDO (TEATRO ITALIANO Vol. 10) di

L'AUTORE A CHI LEGGEIl valoroso Pietro Cornelio, colla più bella ingenuità del mondo, ha confessato al Pubblico aver lavorato il suo Bugiardo sul modello di quello che fu attribuito in Ispagna a Lopez de Vega, quantunque un altro Autore Spagnuolo lo pretendesse per suo.Io con altrettanta sincerità svelerò a' miei Leggitori aver il soggetto della presente Commedia tratto in parte da quella del s...

IL CAMPIELLO (TEATRO ITALIANO Vol. 11)

IL CAMPIELLO (TEATRO ITALIANO Vol. 11) di

L'AUTORE A CHI LEGGEQuesta è una di quelle Commedia che soglio preparare per gli ultimi giorni di Carnovale, sendo più atte in quel tempo a divertire il popolo che corre affollatamente al Teatro. L'azione di questa Commedia è semplicissima, l'intreccio è di poco impegno, e la peripezia non è interessante; ma ad onta di tutto ciò, ella è stata fortunatissima sulle scene in Venezia non solo, ma c...

I RUSTEGHI: TEATRO ITALIANO 13

I RUSTEGHI: TEATRO ITALIANO 13 di

"I Rusteghi in lingua Veneziana non è lo stesso che i Rustici in lingua Toscana. Noi intendiamo in Venezia per uomo Rustego un uomo aspro, zottico, nemico della civiltà, della cultura, del conversare. Si scorge dal titolo della Commedia non essere un solo il Protagonista, ma varii insieme, e in fatti sono eglino quattro, tutti dello stesso carattere, ma con varie tinte delineati, cosa per dire...

I rusteghi (Collezione di teatro Vol. 132)

I rusteghi (Collezione di teatro Vol. 132) di

Nella critica del costume borghese Goldoni scrive negli anni '60 le sue commedie più mature e audaci. I rusteghi aprono la serie: Goldoni entra in netta polemica con il conservatorismo ormai rozzo della classe cui appartiene e in cui ha per molto tempo ciecamente creduto. Il mercante lucido e avveduto, che per lunghi anni, nei panni di Pantalone, aveva impersonato il prototipo di un individuo s...

La famiglia dell'antiquario (Collezione di teatro Vol. 271)

La famiglia dell'antiquario (Collezione di teatro Vol. 271) di

La famiglia dell'antiquario (Venezia, teatro Sant'Angelo, carnevale 1750) è la prima commedia di Goldoni a trasmetterci il senso di una crisi imminente: una crisi delle strutture sociali e dei relativi modi di comportamento. E' una commedia attraversata da una serie di contrasti che, invece di comporsi in lieto fine, restano aperti, irrisolti. Da un lato, una nobiltà che ha già abdicato, che ri...

I due gemelli veneziani (Collezione di teatro Vol. 198)

I due gemelli veneziani (Collezione di teatro Vol. 198) di

I due gemelli veneziani è un'altra commedia sul doppio: lo è anzi in maniera canonica, giacché Goldoni è alle prese, sulle orme di una tradizione secolare, con due creature assolutamente identiche (due gemelli, appunto) che tenderebbero a fondersi in una sola, se non li distinguesse una radicale diversità di carattere. Ed è ancora una volta una commedia del doppio per quanto riguarda i modelli,...