Rime (Biblioteca Italiana Zanichelli)

Michelangelo Buonarroti, sommo pittore scultore e architetto vissuto tra il 1475 e il 1564, praticò, come poeta, anche l'attività letteraria. Le prime liriche, composte intorno al 1502, hanno per modello il Dante delle rime “petrose”, Petrarca e i poeti in volgare del Quattrocento, tra cui Lorenzo il Magnifico e Pulci. Dopo il 1534, la produzione poetica di Michelangelo s'intensifica e acquista venature neoplatoniche, che risultano più evidenti nelle liriche per Tommaso Cavalieri e Vittoria Colonna. Dal 1547 la lingua diviene più essenziale, tutta tesa a esprimere la crisi spirituale e religiosa dell'artista. La raccolta fu pubblicata la prima volta nel 1623 a cura del nipote, Michelangelo Buonarroti il Giovane.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Michelangelo Buonarroti

Rime (Libri da premio)

Rime (Libri da premio) di

Curiosamente, a dispetto della fama immortale di gran parte della sua arte e delle sue opere pittoriche, scultoree e architettoniche, Michelangelo non teneva in grande considerazione la propria produzione poetica, arrivando a definirla 'cosa sciocca'. Si tratta invece di un ulteriore elemento per descrivere la grandezza di uno dei più grandi artisti nella storia dell'umanità. Le sue Rime sono u...

Rime e lettere (Classici della religione)

Rime e lettere (Classici della religione) di

Michelangelo è stato uno dei maggiori artisti del Rinascimento italiano. Alla sua produzione d'arte fa eco un'attività poetica che si distingue per i toni energici e austeri ripresi dalla lirica dantesca. Le sue Lettere restituiscono a chi le legge una vista senza filtri sugli stati d'animo, le preoccupazioni e i tormenti che affliggevano l'artista, specie in relazione ai tanti progetti avviati...

Lettere

Lettere di

Nella sua vita Michelangelo scrisse numerose lettere in cui descrive spesso i propri stati d'animo e si sfoga delle preoccupazioni ed i tormenti che lo affliggono; inoltre nello scambio epistolare approfitta spesso per riportare la propria versione dei fatti, soprattutto quando si trova accusato o messo in cattiva luce, come nel caso dei numerosi progetti avviati e poi abbandonati prima del com...