Gerusalemme liberata (Biblioteca Italiana Zanichelli)

Poema epico-cavalleresco in venti canti, la cui stesura Torquato Tasso ultimò nel 1575, dandogli il titolo provvisorio di Goffredo. Ne stava ancora curando la revisione quando, fra il 1579 ed il 1581, ne furono pubblicate due edizioni parziali e quattro complete, di cui una, a cura di Angelo Ingegneri, col titolo di Gerusalemme liberata. Ma nessuna di queste edizioni, e delle numerose altre che seguirono negli anni successivi, fu riconosciuta dal Tasso, che proseguiva il suo lavoro di revisione, prestando orecchio alle critiche di ordine letterario e moralistico rivoltegli da revisori da lui stesso interpellati. La prima edizione da lui approvata uscì con il titolo di Gerusalemme conquistata nel 1593. Quest'ultimo testo è assai mutato rispetto a quello della Liberata, la quale è considerata comunque il capolavoro del Tasso ed è la redazione che ebbe maggior successo e circolazione nelle età successive. L'intreccio del poema, in cui hanno parte anche personaggi storici (come il capo dei crociati, Goffredo di Buglione), è ambientato all'epoca della prima crociata (1099) e narra della liberazione di Gerusalemme da parte degli eserciti cristiani, nonostante i pericoli da essi corsi e la strenua resistenza dei saraceni. Con le vicende di guerra si intrecciano quelle di personaggi come Tancredi, combattente cristiano innamorato della saracena Clorinda (da lui uccisa inconsapevolmente in duello), la maga Armida (che seduce i guerrieri cristiani e li tiene lontani dal campo di battaglia), Rinaldo (il guerriero cristiano che, dopo aver ceduto alle lusinghe di Armida, riesce a liberarsene e a dare un contributo decisivo alla felice riuscita della guerra). La scena finale è quella della sconfitta in battaglia dell'esercito saraceno.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Torquato Tasso

Aminta di Torquato Tasso

Aminta di Torquato Tasso di

L’”Aminta” è un dramma pastorale ispirato alla mitica età dell’oro. È divisa in 5 atti, preceduti da prologhi e chiusi da epiloghi, con cori e intermezzi. Il tema centrale è l’amore tra la ninfa Silvia ed il pastore Aminta: inizialmente la fanciulla non ne vuole sapere di lui, ma si innamora quando viene salvata durante un attacco di satiri. La novità che introduce Tasso è il trionfo finale del...

Opere di Torquato Tasso: Gerusalemme Conquistata - Gerusalemme Liberata

Opere di Torquato Tasso: Gerusalemme Conquistata - Gerusalemme Liberata di

Il Gerusalemme conquistata apparve nel 1593, in 24 canti. Si tratta di una decisiva revisione del "Gerusalemme liberata". A portarlo a questa nuova versione furono soprattutto gli scrupoli religiosi. Tasso voleva eliminare, su consiglio di revisori come Silvio Antoniano, una serie di brani giudicati sconvenienti. Vi erano inoltre anche motivi di natura letteraria. Tasso mirò a una più rigorosa ...

Il Rinaldo di Torquato Tasso

Il Rinaldo di Torquato Tasso di

Il Rinaldo

Aminta: Edizione Integrale

Aminta: Edizione Integrale di

Aminta, qui in una edizione tascabile ed economica, è un dramma pastorale in cinque atti messo in scena per la prima volta nel 1573 per la corte ferrarese degli Estensi. Il pastore Aminta ama la ninfa Silvia che, seguace di Diana, disprezza il suo amore. Quando Aminta viene a sapere che Silvia è morta, divorata dai lupi, per la disperazione si getta da una rupe. Silvia però è viva e, conosciuto...

Discorsi del Poema Eroico

Discorsi del Poema Eroico di

Intiera, l'opera deve essere una, ossia prevedere l'unità d'azione, ma senza schemi rigidi: ci può essere largo spazio per la varietà, e per la creazione di numerosi racconti nel racconto, e in questo senso la Gerusalemme liberata costituisce una piena realizzazione delle idee dell'autore. Lo stile, infine, deve adeguarsi alla materia, e variare tra il sublime e il mediocre a seconda dei casi.

I Dialoghi di Torquato Tasso - Vol. III

I Dialoghi di Torquato Tasso - Vol. III di

I Dialoghi di Torquato Tasso - Vol. III by Torquato Tasso. This book is a reproduction of the original book published in 1859 and may have some imperfections such as marks or hand-written notes.