Discorsi sopra la prima Deca di Tito Livio (Biblioteca Italiana Zanichelli)

I tre libri dei Discorsi sopra la prima Deca di Tito Livio muovono dall'idea che, essendo gli uomini sostanzialmente sempre uguali a sé stessi, è possibile trarre dalle vicende del passato, così come le raccontano gli storici antichi, degli insegnamenti politici per il presente. Dunque un'opera di commento e riflessione sulla storia antica ai fini della conoscenza e dell'interpretazione del presente. Il primo libro tratta prevalentemente problemi di politica interna romana; il secondo di politica estera e il terzo delle grandi personalità che concorsero a fare grande Roma. Tuttavia esistono continue interferenze tematiche tra i vari libri, ripetizioni e perfino contraddizioni al loro interno. Proprio a causa di un certo disordine strutturale del trattato si ritiene che i Discorsi siano stati oggetto di una lunga elaborazione. Cominciati a scrivere nei primi mesi del 1513, i discorsi ebbero una sistemazione definitiva fra il 1515 e il 1517. La prima edizione a stampa è del 1531, quindi successiva alla morte dell'autore.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Niccolò Machiavelli

Il Principe

Il Principe di

Per raggiungere il fine di conservare e potenziare lo Stato, viene popolarmente e speculativamente attribuita a Machiavelli la massima "il fine giustifica i mezzi" secondo la quale qualsiasi azione del Principe sarebbe giustificata, anche se in contrasto con le leggi della morale. Questa attribuzione, è perlomeno dubbia dato che non trova riscontro nel Principe e nemmeno in altre opere dell'aut...

Favola di Belfagor arcidiavolo

Favola di Belfagor arcidiavolo di

La Favola di Belfagor Arcidiavolo è l’unica novella nota di Niccolò Machiavelli. Fu scritta tra il 1518 e il 1527 ed è conosciuta anche con il titolo Belfagor arcidiavolo o Il demonio che prese moglie. Ambientata al tempo di Carlo d’Angiò re di Napoli, si presenta come una sagace satira contro i costumi della Firenze di quegli anni e si inserisce nella tradizione antifemministica, popolare e mo...

Il principe

Il principe di

Da cinquecento anni il Principe funziona come una sorta di specchio nel quale non cessa di riflettersi la coscienza occidentale, proiettando sulle parole di Machiavelli ansie, ossessioni, speranze, paure. Politica e morale, mezzi e fini, il partito come moderno principe, l’emergere dello Stato, la politica come tecnica, i fantasmi del totalitarismo… In quanto presunto fondatore della modernità ...

Mandragola (Libri da premio)

Mandragola (Libri da premio) di

Questa commedia scritta probabilmente tra il 1514 e il 1518 è considerata il capolavoro assoluto del teatro cinquecentesco italiano: si compone di cinque atti più un prologo ed è, in pieno stile machiavellico, una satira gustosa e tagliente sulla corruzione che impregnava la classe politica e la società italiana dell'epoca. Trasposta anche in due versioni cinematografiche, con la caratteristica...

Il Principe

Il Principe di

Il Principe" (titolo originale in lingua latina: "De Principatibus", lett. "Sui Principati") è un trattato di dottrina politica scritto da Niccolò Machiavelli nel 1513, nel quale espone le caratteristiche dei principati e dei metodi per mantenerli e conquistarli. Si tratta senza dubbio della sua opera più nota e celebrata, quella dalle cui massime (spesso superficialmente interpretate) sono nat...

Il principe

Il principe di

Il Principe è l’opera «più letta e discussa, esaltata e vituperata, amata e odiata della letteratura politica di tutti i tempi». Questa definizione dello storico Federico Chabod non è esagerata, se si considera che l’opuscolo è all’origine della trattatistica politica moderna, e rende bene l’idea della fondamentale importanza che il trattato di Machiavelli ha avuto nell’evoluzione del pensiero ...